A- A+
Esteri
Guerra, le intercettazioni inguaiano Scholz. Putin trova la prova che cercava
Olaf Scholz

Guerra, convocato l'ambasciatore tedesco a Mosca. Scholz adesso dovrà dare spiegazioni

Putin è a caccia di prove del coinvolgimento dell'Occidente nella guerra in Ucraina. E il Cremlino sembra aver trovato qualche indizio molto significativo in questo senso, stando a quanto sostiene il governo russo. Chi sta spiando la Luftwaffe? E, soprattutto, da quanto tempo? Il cancelliere tedesco Olaf Scholz - si legge su Il Corriere della Sera - ha ordinato un’inchiesta interna dopo la diffusione sul social russo Telegram delle intercettazioni di alti ufficiali tedeschi, mentre discutono dei missili a lungo raggio Taurus. Nell’audio – una gravissima breccia nella sicurezza – si sente il capo dell’aeronautica tedesca che prepara un briefing per il ministro della Difesa, insieme ai sottoposti collegati sulla piattaforma Webex. Trentotto minuti di audio, dove i militari sembrano però smentire il cancelliere Scholz: i motivi tecnici per rifiutare i potentissimi missili Taurus agli ucraini, quelli addotti da Scholz, quasi non esistono. "Per lanciarli non servono soldati tedeschi sul terreno", dicono gli alti generali in queste intercettazioni.

Leggi anche: Ucraina, a Kiev la Nato c'è già. Presenza (poco) segreta svelata da Scholz

Leggi anche: Scholz vede Mattarella ("Rapporti straordinariamente solidi") e poi Schlein

Il ministero degli Esteri russo ha convocato l'ambasciatore tedesco a Mosca, Alexander Lambsdorff, sulla vicenda della conversazione segreta fra militari tedeschi intercettata, in cui si parlava di potenziali attacchi al ponte russo in Crimea. Lo scrive l'agenzia Tass, che cita una fonte. Secondo il Cremlino, le conversazioni intercettate degli ufficiali tedeschi - prosegue Il Corriere - mostrano il coinvolgimento diretto dell'Occidente nel conflitto in Ucraina. Una pessima chiusura della settimana per il cancelliere, iniziata con la lite quasi pubblica con Macron, proseguita irritando gli alleati sui Taurus e finita nell’affaire delle intercettazioni.






in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.