A- A+
Esteri
Guerra, Nato invia nuove armi a Kiev. G20, Biden: Russia out. E minaccia Xi...
Joe Biden (Lapresse)

Guerra Russia Ucraina, Biden: se Cina aiuta Mosca relazioni a rischio

"Sei o sette giorni fa ho avuto una conversazione molto chiara con il presidente Xi e ho messo in chiaro le conseguenze di un suo aiuto alla Russia, come era stato riportato e come era atteso" e "ho citato il numero di aziende americane e internazionali che hanno lasciato la Russia come conseguenza del suo comportamento barbaro". Lo ha dichiarato il presidente americano, Joe Biden, nella conferenza stampa al termine del vertice del G7. "Sapendo quanto Xi sia interessato ad avere relazioni economiche con l'Europa e gli Stati Uniti ho indicato che se avesse fatto passi avanti" verso la Russia "avrebbe messo" tali relazioni "significativamente a rischio"

Ucraina: Biden, da Usa 2 miliardi per armi e un miliardo di aiuti. Nuove sanzioni per oltre 400 persone fisiche e giuridiche

Il presidente americano Joe Biden ha annunciato sanzioni contro altri 400 membri tra oligarchi russi e oltre 300 parlamentari della Duma. "Gli Stati Uniti sono impegnati nella fornitura di 2 miliardi di dollari in armi" e "un miliardo di aiuti umanitari", ha spiegato al termine del vertice Nato a Bruxelles.

Ucraina: Biden, se attacchi chimici risponderemo. Russia fuori dal G20? Favorevole

"Se ci saranno attacchi chimici risponderemo e la natura della risposta dipendera' dalla natura dell'attacco", le parole di Joe Biden. Il presidente americano si è detto favorevole all'esclusione della Russia dal G20 (permettendo invece la partecipazione all'Ucraina) E ancora: "Sta all'Ucraina decidere se cedere dei propri territori, non penso che lo faranno ma e' una decisione loro".

Draghi: nessuna condanna a Cina; speranza contribuisca a pace

"Non c'e' stata nessuna condanna della Cina. Anzi, c'e' stata la speranza che la Cina contribuisca al processo di pace". Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio, Mario Draghi, al suo arrivo al Consiglio europeo dopo i vertici Nato e G7.

Draghi: sanzioni contro Mosca efficaci ma pronti a inasprirle

"Sia il summit della Nato sia quello del G7 hanno mostrato un'unita' straordinaria tra tutti gli alleati. Nel condannare l'aggressione all'Ucraina e nel mantenere le sanzioni e nel decidere di inasprirle se fosse necessario". Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio, Mario Draghi, al suo arrivo al vertice europeo dopo i summit Nato e G7. "Le sanzioni, nelle varie discussioni, sono state descritte come straordinariamente efficaci, l'economia russa e' fortemente indebolita. Questa e' un'analisi unanime di tutti i partecipanti al summit Nato", ha aggiunto il premier.

G7: bozza, pronti ad altre sanzioni, impedire ogni transazione con la Banca centrale russa

Il G7 e' pronto ad adottare nuove sanzioni e continuera' a lavorare per evitare che quelle gia' decise vengano aggirate anche con la vendita di oro da parte della banca centrale russa. E' quanto si legge nelle conclusioni della riunione dei leader del G7. "Continueremo a cooperare da vicino, cercando di impegnare altri governi ad adottare misure restrittive similari a quelle gia' imposte dagli stati membri". "Se richiesto saremo pronti ad adottare ulteriori sanzioni continuando ad agire nell'unita'". I leader del G7 hanno concordato di impedire ogni transazione con la Banca centrale russa. A riferirlo è un alto funzionario americano anticipando i contenuti del documento finale del vertice.

Kiev, la Nato invia nuove armi tra cui anticarro e droni. L'ambasciatore ucraino in Italia: "Cruciali, non allungano la guerra"

"E' stata approvata una significativa fornitura di armi all'ucraina tra cui anticarro, difesa aerea e droni che si sono dimostrati altamente efficaci". Lo ha dichiarato il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, al termine del summit straordinario della Nato.

La richiesta di nuove armi ai partner occidentali e' "di importanza cruciale" secondo l'ambasciatore ucraino in Italia Yaroslav Melnyk. "Il nostro obiettivo - ha detto durante l'audizione alla Commissione esteri della Camera - è quello di tornare a controllare il nostro territorio. Il rifornimento di armi non serve a prolungare la guerra, ma a salvare vite e a difendere non solo noi, ma i valori del mondo occidentale. Il regime del Cremlino capisce solo il linguaggio della forza, per questo chiediamo di fornire armi all'Ucraina: non per attaccare, ma per difenderci".

Quanto alla questione della neutralità, Come ha detto il presidente Zelensky nei giorni scorsi, ha ricordato il diplomatico, sulla neutralita' "non possiamo prendere il modello di Austria o Svezia e applicarlo all'Ucraina, abbiamo un'altra situazione. Potrebbe essere efficace creare un nuovo modello. Il Paese aggredito - ha aggiunto - deve ottenere il sostegno necessario per resistere: un sostegno militare, economico, finanziario e umanitario". 

Stoltenberg: "Nato dispiegherà 4 nuovi battaglioni in Est Europa"

Il vertice della Nato ha approvato secondo le attese, oggi a Bruxelles, il rafforzamento della presenza militare dell'Alleanza lungo la frontiera orientale in Europa, con quattro nuovi battaglioni pronti al combattimento. Lo ha annunciato durante la conferenza stampa al termine del vertice il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg.

"I leader hanno approvato il dispiegamento di quattro nuovi gruppi tattici ('battlegroup', ndr) della Nato in Bulgaria, Ungheria, Romania e Slovacchia, che si aggiungono a quelli già dispiegati nei paesi baltici e in Polonia. Ciò significa che avremo otto gruppi tattici della Nato lungo tutto il fianco orientale, dal Baltico al Mar Nero", ha detto Stoltenberg.

"In Europa ci sono oggi dispiegate truppe per un totale di 100.000 soldati, di cui 40.000 sotto diretto comando Nato, sostenute da importanti forze aeree e navali", ha aggiunto Altra proposta approvata oggi, ha annunciato il segretario generale, è quella di aumentare il sostegno all'Ucraina, con l'invio di nuove armi anticarro, di difesa antiaerea e droni "che si sono rivelati molti efficaci", e mandando anche "attrezzature per aiutare l'Ucraina a proteggersi dalle minacce chimica, biologica, radiologica e nucleare". In particolare, questo aiuto riguarderà "l'individuazione" delle minacce, nonché "la protezione e il supporto medico" contro di esse, e il "training per la decontaminazione".

Commenti
    Tags:
    guerra russia ucraina





    in evidenza
    World Press Photo, ecco la foto vincitrice del 2024

    La “Pietà” di Gaza

    World Press Photo, ecco la foto vincitrice del 2024

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


    motori
    DS E-TENSE FE23 in Nero e Oro per l'E-Prix di Monaco

    DS E-TENSE FE23 in Nero e Oro per l'E-Prix di Monaco

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.