A- A+
Esteri
Guerra, Papa valuta viaggio a Kiev. Proposta di Affari: sia lui il mediatore
Papa Francesco (Lapresse)

Guerra Russia Ucraina, Papa Francesco valuta il viaggio a Kiev

Papa Francesco sta prendendo in considerazione una visita a Kiev. Lo ha confermato lo stesso Pontefice sul volo aereo alla volta di Malta. A un giornalista che gli chiedeva se avesse preso in considerazione l'invito a recarsi nella capitale ucraina, il Pontefice ha risposto: "Si', e' sul tavolo"

Leggi

La proposta di Affari: sia Papa Francesco a mediare tra Russia e Ucraina


Ucraina, Papa: "Rischio di una guerra fredda allargata"

"Proprio dall'est dell'Europa, dall'Oriente dove sorge prima la luce, sono giunte le tenebre della guerra". Il Papa, nel suo primo discorso a Malta alle autorità civili, parla della guerra in Ucraina. E da' voce a tutto il suo dolore e alla preoccupazione, mettendo in guardia sul rischio di una "guerra fredda allargata". "Pensavamo che invasioni di altri Paesi, brutali combattimenti nelle strade e minacce atomiche fossero ricordi oscuri di un passato lontano. Ma il vento gelido della guerra, che porta solo morte, distruzione e odio, si è abbattuto con prepotenza sulla vita di tanti e sulle giornate di tutti - dice il Pontefice-. E mentre ancora una volta qualche potente, tristemente rinchiuso nelle anacronistiche pretese di interessi nazionalisti, provoca e fomenta conflitti, - osserva Francesco- la gente comune avverte il bisogno di costruire un futuro che, o sarà insieme, o non sarà. Ora, nella notte della guerra che è calata sull'umanità, non facciamo svanire il sogno della pace".  "Malta, che brilla di luce nel cuore del Mediterraneo, può ispirarci, perché è urgente - ammonisce il PAPA- ridare bellezza al volto dell'uomo, sfigurato dalla guerra. Una bella statua mediterranea risalente a secoli prima di Cristo raffigura la pace, Irene, come una donna che ha in braccio Pluto, la ricchezza. Ricorda che la pace genera benessere e la guerra solo povertà". "Di compassione e di cura abbiamo bisogno, non di visioni ideologiche e di populismi, - ammonisce ancora Francesco- che si nutrono di parole d'odio e non hanno a cuore la vita concreta del popolo, della gente comune". Bergoglio ricorda che "più di sessant'anni fa, a un mondo minacciato dalla distruzione, dove a dettare legge erano le contrapposizioni ideologiche e la ferrea logica degli schieramenti, dal bacino mediterraneo si levò una voce controcorrente, che all'esaltazione della propria parte oppose un sussulto profetico in nome della fraternità universale. Era quella di Giorgio La Pira, che disse: 'La congiuntura storica che viviamo, lo scontro di interessi e di ideologie che scuotono l'umanità in preda a un incredibile infantilismo, restituiscono al Mediterraneo una responsabilità capitale: definire di nuovo le norme di una Misura dove l'uomo lasciato al delirio e alla smisuratezza possa riconoscersi'. Sono parole attuali: quanto ci serve una "misura umana" davanti all'aggressività infantile e distruttiva che ci minaccia, di fronte al rischio di una 'guerra fredda allargata' che può soffocare la vita di interi popoli e generazioni!". 

Guerra, Papa Francesco: Aiutiamoci ad ascoltare la sete di pace della gente

"Quell''infantilismo' purtroppo, - denuncia Papa Francesco - non è sparito. Riemerge prepotentemente nelle seduzioni dell'autocrazia, nei nuovi imperialismi, nell'aggressività diffusa, nell'incapacità di gettare ponti e di partire dai più poveri. Da qui comincia a soffiare il vento gelido della guerra, che anche stavolta è stato alimentato negli anni. Sì, la guerra si è preparata da tempo con grandi investimenti e commerci di armi. Ed è triste vedere come l'entusiasmo per la pace, sorto dopo la seconda guerra mondiale, si sia negli ultimi decenni affievolito, così come il cammino della comunità internazionale, con pochi potenti che vanno avanti per conto proprio, alla ricerca di spazi e zone d'influenza. E così non solo la pace, ma tante grandi questioni, come la lotta alla fame e alle disuguaglianze sono state di fatto derubricate dalle principali agende politiche. Ma la soluzione alle crisi di ciascuno è prendersi cura di quelle di tutti, perché i problemi globali richiedono soluzioni globali. Aiutiamoci ad ascoltare la sete di pace della gente, lavoriamo per porre le basi di un dialogo sempre più allargato, ritorniamo a riunirci in conferenze internazionali per la pace, dove sia centrale il tema del disarmo, con lo sguardo rivolto alle generazioni che verranno!". "E gli ingenti fondi che continuano a essere destinati agli armamenti siano convertiti allo sviluppo, alla salute e alla nutrizione", esorta guardando anche al vicino Medio Oriente, "che si riflette nella lingua di questo Paese, la quale si armonizza con altre, quasi a ricordare la capacità dei maltesi di generare benefiche convivenze, in una sorta di convivialità delle differenze. Di questo ha bisogno il Medio Oriente: il Libano, la Siria, lo Yemen e altri contesti dilaniati da problemi e violenza. Malta, cuore del Mediterraneo, continui a far pulsare il battito della speranza, la cura per la vita, l'accoglienza dell'altro, l'anelito di pace, con l'aiuto di Dio, il cui nome è pace".


Guerra, Papa Francesco: "Pace per il mondo intero"

Il Papa invoca la pace per il mondo intero firmando il libro d'onore in occasione della visita di cortesia al Presidente della Repubblica William Vella. "Accolto come pellegrino a Malta, cuore del Mediterraneo, che palpita di "rara umanità", invoco da Dio saggezza e misericordia per chi governa, unità e pace per la popolazione e per il mondo intero", ha scritto il Papa.

Papa: proteggiamo bellezza vita, dal suo inizio alla fine

"Proteggiamo la bellezza della vita!". E' l'esortazione di Papa Francesco durante il suo primo discorso pubblico alle autorita', alla societa' civile e al Corpo diplomatico, nella Grand Council Chamber del Palazzo del Gran Maestro alla Valletta. Il Pontefice ha incoraggiato i maltesi "a continuare a difendere la vita dall'inizio fino al suo termine naturale, ma anche a custodirla in ogni momento dallo scarto e dalla trascuratezza". "Alla base di una crescita solida c'e' la persona umana, il rispetto della vita e della dignita' di ogni uomo e di ogni donna", ha detto Francesco, che nei suoi pensieri vi e' anche la "dignita' dei lavoratori, degli anziani e dei malati". "E ai giovani - ha aggiunto -, che rischiano di buttare via il bene immenso che sono, inseguendo miraggi che lasciano dentro tanto vuoto. E' quello che provocano il consumismo esasperato, la chiusura alle necessita' degli altri e la piaga della droga, che soffoca la liberta' creando dipendenza. Proteggiamo la bellezza della vita!".

Papa Francesco: viaggio a Malta breve ma sara' bello

"Buongiorno. Grazie tante per accompagnarmi in questo viaggio che e' breve. Sara' bello. Grazie tante": cosi' Papa Francesco ha salutato in aereo i giornalisti che lo accompagnano a Malta nel suo 36mo viaggio apostolico.

Leggi anche

La Lega ad Affaritaliani.it: Papa mediatore. Solo Francesco può fermare la guerra

Guerra, Fratoianni (SI) ad Affaritaliani.it: "Il Papa mediatore? Sarebbe una bellissima notizia"

Rotondi ad Affaritaliani.it: "Guerra Russia Ucraina, Papa unico mediatore al mondo. O lui o nessuno"

SONDAGGIO/ Papa Francesco: "Una pazzia aumentare le spese militari. E la soluzione della guerra in Ucraina non è inviare armi a Kiev". Sei d'accordo con il Ponteficie? VOTA

Guerra, la Chiesa al tavolo della mediazione. Papa Francesco incontra Kirill

Ucraina, il Papa: "E' il momento di abolire la guerra dalla storia dell'uomo"

Commenti
    Tags:
    guerra russia ucrainapapa francescoterza guerra mondiale





    in evidenza
    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    La classifica comscore

    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    
    in vetrina
    Puglia, gelato da vegetali fermentati: a Polignano a Mare il nuovo ice-cream

    Puglia, gelato da vegetali fermentati: a Polignano a Mare il nuovo ice-cream


    motori
    Maserati GranCabrio: lusso e prestazioni nella nuova convertibile del Tridente

    Maserati GranCabrio: lusso e prestazioni nella nuova convertibile del Tridente

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.