A- A+
Esteri
Guerra Ucraina, Biden verso l'accordo con l'Iran. E ora tratta pure con Maduro

Guerra Ucraina, Biden ha sete di petrolio e riavvia il dialogo coi "cattivi" Iran e Venezuela

La guerra in Ucraina sta cambiando non solo le sorti di Mosca, Kiev e dell'Europa orientale, ma anche la postura globale degli Stati Uniti. Joe Biden ha deciso di sanzionare la Russia anche sul comparto energetico, bloccando le importazioni di petrolio. Scelta che però avrà un impatto sui prezzi dell'energia e sull'inflazione che già il presidente americano fatica (e non poco) a controllare. Ecco perché, improvvisamente, la Casa Bianca sembra aver cambiato idea sull'opportunità di dialogare con alcuni di quelli che fino a pochi giorni fa venivano considerati dei nemici e dei dittatori. Anche perché c'è bisogno di petrolio. Ora come non mai.

Il primo fronte è quello iraniano. Nelle scorse ore il ministero degli Esteri francese ha fatto sapere che ci si trova "molto vicini a un accordo sul nucleare iraniano", aggiungendo comunque che c'è grande preoccupazione "per il rischio che ulteriori scadenze possano pesare sulla possibilità di concludere" l'intesa.  Londra, Parigi e Berlino, si legge ancora nel comunicato, lanciano un appello "a tutte le parti ad avere un approccio responsabile". Il riferimento è a quanto succede tra Ucraina e Russia, ovviamente. L'accordo sembrava infatti già cosa fatta prima dell'uscita di venerdì svorso di Sergej Lavrov, ministro degli Esteri russo che ha chiesto la garanzia, firmata dalla Casa Bianca, che le sanzioni imposte a Mosca in seguito all'attacco all'Ucraina non intaccheranno la cooperazione commerciale, economica, energetica e militare tra Mosca e Teheran.

Vicino l'accordo sul nucleare iraniano, ma Putin prova a interferire

Argomento emerso anche durante il dialogo tra Putin e Naftali Bennett, premier israeliano, a Mosca. Cosa che non ha fatto per nulla piacere allo stesso Iran, con il governo di Teheran che ha dichiarato che "non permetterà a nessuna interferenza esterna di minare i propri interessi nazionali". L'Iran, e soprattutto gli Usa, temono che la Russia possa vendicarsi delle sanzioni occidentali cercando di far saltare il banco del negoziato con l'Iran. Mosca e Teheran, d'altronde, hanno una cooperazione molto profonda su diversi livelli e si trovano spesso sulla stessa sponda in una serie di teatri di crisi, soprattutto in Medio Oriente. Negli scorsi anni proprio la Russia ha attenuato l'effetto delle sanzioni e si è fatta carico del trasporto fuori dalla Repubblica Islamica di uranio arricchito dopo gli accordi del 2015.

Intanto, il capo negoziatore iraniano Ali Bagheri Kani è tornato a Vienna per proseguire i colloqui sperando si possa arrivare a un accordo che potrebbe chiudere un fronte ancora aperto per Biden e che rischia di creare ulteriori distrazioni e minacce in un momento nel quale tutto c'è bisogno fuorché di questo. La possibilità prefigurata da alcune parti è che gli Usa possano persino arrivare, in caso di accordo, a importare petrolio iraniano in parziale sostituzione di quello russo. Un'ipotesi che ha già sollevato e di certo continuerà a sollevare diverse polemiche.

(Continua nella prossima pagina con il dialogo riavviato a sorpresa col Venezuela)

Commenti
    Tags:
    crisi ucrainaguerra ucrainairanjoe bidenmaduroterza guerra mondialevenezuale





    in evidenza
    Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

    Guarda le foto

    Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

    
    in vetrina
    Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

    Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici


    motori
    Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

    Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.