A- A+
Esteri
Guerra ucraina, perché la sconfitta della Russia può essere un bene per Mosca
Vladimir Putin

Guerra Russia Ucraina, un conflitto che può essere un'opportunità per mettere fuori gioco una volta per tutte Mosca 

La voglia di pace di molti, anche a spese dell'Ucraina, è dettata da due interessi convergenti: la paura e la convenienza economica. Così c’è una forte corrente di “pensiero” che è ostile all’invio di armi all'Ucraina: perché se l'Ucraina può difendersi non si arrende. I finti pacifisti dunque guardano storto l’Inghilterra e la Germania, disposte anche a mandare “armi pesanti”, ma il colmo dell’ostilità lo riservano agli Stati Uniti che non soltanto invieranno aiuti ed armi per una somma stratosferica (33 miliardi di dollari) ma sono anche, pregiudizialmente, l’oggetto del loro normale e stupido anti-americanismo.

Una di queste critiche è tuttavia interessante, perché non del tutto fantastica. Se ci si avvicinasse ad una tregua, gli americani smetterebbero di inviare armi? Perché, se non lo facessero, dimostrerebbero che non vogliono la pace, ma sono intervenuti per soffiare sul fuoco.

Insomma - secondo i più ragionevoli fra gli antipatizzanti degli Stati Uniti - gli americani forse non hanno previsto la guerra; forse hanno cominciato ad inviare armi per solidarietà con un Paese aggredito ma poi, da buoni businessmen, hanno intravisto l’affare. Se mandano poche armi, gli ucraini potranno difendersi. Ma se ne mandano molte potrebbero anche vincere e questa sconfitta potrebbe segnare il tramonto definitivo di quell’Unione Sovietica che oggi vorrebbe risorgere dalle ceneri.

E infatti trentatré miliardi non servono per vincere una rissa ma una guerra. Se la Russia fosse severamente umiliata, magari con l’uscita di scena di Vladimir Putin, l’Occidente, senza sparare un colpo, dopo avere vinto la Guerra Fredda, avrebbe vinto anche la Terza Guerra Mondiale. E il mondo – eliminato lo stupido bellicismo russo – potrebbe avviarsi ad altri settant’anni di pace. L’ipotesi può essere sbagliata, ma non è inverosimile. Si pone tuttavia la domanda: dovremmo condannare gli Usa, nel caso?

Personalmente credo che dal 1945 al 1989 il mondo ha avuto la pace della paura. Poi, avendo noi vinto la Guerra Fredda, con Gorbaciov la pace è stata quella della concordia. Purtroppo questo ammirevole mondo di pace ha stravolto le menti degli europei che si sono fatte mille illusioni; hanno creduto alla collaborazione universale; hanno creduto che non ci sarebbero mai più state guerre sul suolo europeo e la realtà sembrava dargli ragione.

Commenti
    Tags:
    guerra russia ucrainaterza guerra mondiale





    in evidenza
    Ferragni-Fedez, storia al capolinea Il rapper sarebbe già fuori casa

    Le ultime indiscrezioni

    Ferragni-Fedez, storia al capolinea
    Il rapper sarebbe già fuori casa

    
    in vetrina
    Prime lancia lo spin-off di Lol, "Angioni futuro della comicità". Intervista ai giudici

    Prime lancia lo spin-off di Lol, "Angioni futuro della comicità". Intervista ai giudici


    motori
    Opel Astra Hybrid 2024: arriva il motore ibrido a 48 V e cambio DCT6

    Opel Astra Hybrid 2024: arriva il motore ibrido a 48 V e cambio DCT6

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.