A- A+
Esteri
Il terremoto in Turchia e l'Apocalisse in Ucraina: Zelensky e Putin si fermino

Erdogan era l'unico mediatore. Serve un cessate il fuoco per studiare un progetto di pace

Sarà forse utopico proporlo, ma ci proviamo. Viste anche le interazioni commerciali sul fronte dell’energia con la Turchia, Russia e Ucraina colgano la tragica occasione del terremoto per un cessate il fuoco che consenta di riattivare quei dialoghi che, pur abbozzati nei primissimi giorni della guerra, oggi sembrano una prospettiva remota.

La comunità internazionale deve potersi concentrarsi sulla solidarietà e gli aiuti da portare alla vittime in Turchia e Siria, due paesi-chiave dello scacchiere mondiale. A maggior ragione, le bombe in Europa stridono con quanto accade a pochi chilometri di distanza.

In Turchia si erano fatti passi concreti verso la pace, mentre in Italia il massimo risultato ottenuto dal fronte antibelligerante è che Zelensky non intervenga personalmente al Festival di Sanremo, sarà Amadeus a leggere il suo messaggio. Il dibattito pubblico sull’Ucraina è da tempo impantanato nell’improduttività. Ci si divide tra chi sostiene l’invio di armi sempre più pesanti e chi invece pensa che serva solo a prolungare il massacro, nell’assoluta assenza di un piano sulla soluzione finale del conflitto.

O magari qualcuno un progetto invece ce l’ha, ma non ce lo racconta. Si punta a una sconfitta totale di Putin, con tutti i rischi che comporterebbe, o ci si accontenterebbe della difesa dei territori ucraini?

Ad adoperarsi più di tutti è stato Erdogan, che sarà pur esecrabile per tanti altri motivi, ma che nella vicenda specifica ha dato ragione coi fatti a Draghi, che lo aveva definito “il dittatore di cui si ha bisogno”. Ecco, oggi il dittatore, ma soprattutto il suo popolo, è in ginocchio per via del tragico terremoto il cui bilancio è ancora in divenire, ma che certamente alla fine sarà apocalittico.

La potenza del terremoto è stata paragonata a quella di cento bombe atomiche, ma ovviamente non nel sisma non c’è il potenziale letale delle radiazioni. Ne basterebbe una per far finire in maniera tragica non solo la guerra, l’intera umanità. Fermatevi, prima che sia troppo tardi.
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
guerra russia ucrainaputinsanremo 2023terremoto turchiazelensky





in evidenza
Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

Politica

Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento


in vetrina
Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


motori
Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.