A- A+
Esteri
Israele, Gantz lascia il governo e chiede nuove elezioni

Israele, Gantz lascia il governo e chiede nuove elezioni

Mentre Benny Gantz annuncia che lascerà il governo, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu chiede al leader del partito Resilienza per Israele, Benny Gantz di non abbandonare il campo. "Israele è in una guerra esistenziale su più fronti", scrive Netanyahu su X. "Benny, questo non è il momento di abbandonare il campo, questo è il momento di unire le forze". Netanyahu promette di andare avanti fino alla vittoria e al raggiungimento di tutti gli obiettivi di guerra, "in primo luogo il rilascio degli ostaggi e l'eliminazione di Hamas".

"La mia porta rimarrà aperta a qualsiasi partito disposto a sostenere l'onere e aiutare a raggiungere la vittoria sui nostri nemici e garantire la sicurezza dei nostri cittadini", conclude. Annunciando le sue dimissioni dal governo, Gantz chiede a Netanyahu di fissare una data concordata per le elezioni. "Per garantire una vera vittoria - sottolinea-, è opportuno che in autunno, un anno dopo il disastro, si vada alle elezioni che alla fine stabiliranno un governo che conquisterà la fiducia del popolo e sarà in grado di affrontare le sfide. Mi rivolgo a Netanyahu: fissa una data concordata per le elezioni. Non lasciare il nostro popolo dilaniarsi".

LEGGI ANCHE: Israele, recuperati vivi quattro ostaggi a Gaza. Rientra la crisi di governo

Guerra in Medio Oriente, Blinken torna nella regione per una tregua

Gli Stati Uniti intensificano le pressioni per un cessate il fuoco a Gaza con un appello per un voto del Consiglio di Sicurezza Onu su una tregua e con un tour di Antony Blinken nella regione. Il segretario di Stato visitera' Egitto, Israele, Giordania e Qatar nel suo ottavo tour regionale dallo scoppio della guerra. "L'unico ostacolo al raggiungimento di un cessate il fuoco e' Hamas. E' tempo che accettino l'accordo", ha detto sabato il capo di Foggy Bottom. Hamas ha insistito per una tregua permanente e per il completo ritiro israeliano da tutte le parti di Gaza, richieste che Israele ha fermamente respinto.

L'arrivo di Blinken e' stato preceduto da un ulteriore bombardamento notturno su Gaza da parte delle forze israeliane, mentre Benjamin Netanyahu deve affrontare il dissenso interno con le dimissioni del membro del gabinetto di guerra Benny Gantz. Washington ha presentato un progetto di risoluzione alle Nazioni Unite, chiedendo un "cessate il fuoco immediato con il rilascio degli ostaggi" dopo che per mesi gli Stati Uniti sono stati criticati per aver bloccato diverse bozze che chiedevano la fine dei combattimenti. La spinta per un accordo promossa del presidente Joe Biden non e' riuscita finora a produrre risultati tangibili, mentre il raid delle forze speciali israeliane che ha portato alla liberazione di 4 ostaggi allontana la prospettiva di una tregua: nei combattimenti che hanno accompagnato il blitz sono state uccise decine - se non centinaia - di palestinesi.

Secondo Hamas 274 persone - tra cui 64 bambini, 57 donne e 37 anziani - sono state uccise e 698 ferite in quello che il movimento islamista ha definito il "massacro di Nuseirat". Cifre che pero' non possono essere verificate in modo indipendente. La decisione di Gantz, che non fara' cadere il governo di destra, arriva dopo che aveva lanciato un ultimatum a Netanyahu affinche' presentasse un piano postbellico per Gaza entro l'8 giugno. Rispondendo al primo grande colpo politico ricevuto durante il conflitto, il premier ha detto a Gantz che "non era il momento di abbandonare la battaglia".






in evidenza
La rivoluzione di Spalletti: 4 cambi in formazione (e un dubbio...)

Italia-Croazia

La rivoluzione di Spalletti: 4 cambi in formazione (e un dubbio...)


in vetrina
Il Made in Italy protagonista a New York: al via la fiera culinaria "Fancy Food Show"

Il Made in Italy protagonista a New York: al via la fiera culinaria "Fancy Food Show"


motori
Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.