A- A+
Esteri
Jet russo, aperta la scatola nera. Mosca: "Non ha sconfinato"

E' cominciato l'esame della scatola nera del Su-24 russo abbattuto dalla Turchia al confine siriano. "Abbiamo prove sufficienti che il jet non ha violato lo spazio aereo turco", ha assicurato il vicecomandante delle forze armate Sergei Dronov, spiegando che il SU-24 e' stato abbattuto mentre volava nei cieli siriani a 5,5 chilometri dal confine turco.

L'apertura della scatola nera e' stata trasmessa in diretta tv. Mosca ha comunicato che esperti britannici e cinesi parteciperanno all'indagine sui dati di navigazione del jet. Dronov ha affermato che 14 Paesi sono stati invitati a monitorare le indagini ma molti si sono rifiutati di partecipare. L'ufficiale ha pero' aggiunto che alle procedure partecipano due "cittadini americani", il presidente e il vice presidente della societa' internazionale per le indagini dei disastri aerei. I risutati saranno resi noti lunedi' prossimo.

Tags:
jet russo
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.