A- A+
Esteri
La sinistra riparte con Jeremy Corbyn

 

Primo maggio 1967, Salone Matteotti a Torino. Per la prima volta nella storia della sinistra compare una proposizione nuova, rispetto al modello di sviluppo, da modificare, del neo-capitalismo: "noi vogliamo una società più ricca perchè diversamente ricca, è il tipo di benessere, è cioè il tipo di consumi che vogliamo cambiare, sono le basi delle aspirazioni e delle preferenze e delle soddisfazioni da dare a queste preferenze che vogliamo cambiare, perchè il socialismo è un progetto dell'uomo, soprattutto, è un progetto dell'uomo diverso che abbia diversi bisogni e trovi il modo di soddisfare questi bisogni".

Non una società - per i molti che vi vivono - povera, austera, triste, ma più ricca, sobria, allegra, capace cioè di coniugare "i bisogni" necessari alla sopravvivenza: un lavoro e un reddito dignitosi, una casa decente, la disponibilità di beni e servizi pubblici - energia, acqua, trasporti - la tutela della salute e del benessero fisico, con "le aspirazioni" indispensabili per realizzare la propria identità e la propria vita: l'istruzione e la cultura, la formazione e il tempo libero per sè e gli altri, la qualità della vita, l'accesso ai benefici derivanti della ricerca scientifica.

Era solo l'abbozzo di una nuova società da fare - con 'le riforme strutturali' - del modello definito dal capitalismo, "divenuto troppo costoso per l'umanità" e dal neoliberismo, "il mercato non può esser libero", che il suo autore Riccardo Lombardi sostanziò negli anni '80 con il principio: "una società socialista è quella nella quale a ciascun individuo sia data la massima possibilità di influire sulla propria esistenza e sulla costruzione della propria vita“.

Così non è stato: ma, pur con tutti i grandi mutamenti intervenuti (le nuove tecnologie, l'informatica, la robotica) quel progetto di una società diversamente ricca, "per i molti non per i pochi" (for the many, not the few), lo sta riproponendo nel Regno Unito il veterano 'laburista di sinistra', il pacifista Jeremy Corbyn con un programma culturale e politico accolto positivamente dai movimenti sociali e giovanili come Momentum.

Programma che, impostato contro il razzismo e la xenofobia e per l'accoglienza, si basa sulla 'ri-nazionalizzazione' dei servizi pubblici essenziali: energia, acqua, scuola, università, trasporti, servizio sanitario; sulla tassazione delle multinazionali; sul superamento della precarietà del lavoro e delle diseguaglianze economiche e sociali; sulla lotta all'illegalità e all'evasione fiscale dei ricchi.

Un altro mondo, insomma, è possibile. E un programma simile potrebbe essere il collante dell'eventuale esecutivo M5S-Pd e Leu, in coincidenza proprio con la festa del lavoro 2018: per il Movimento pentastellato e per le due formazioni di sinistra potrebbe essere l'occasione storica per contribuire a cambiare l'attuale modello di società e posizionarsi nella Ue tra le più avanzate forze progressiste che stanno, tra l'altro, smentendo - come il Portogallo di Antonio Costa - il dogma thatcheriano 'l'alternativa non c'è', al dominio dei mercati e della finanza.

Solo un sogno ad occhi aperti? Chissà. L'alternativa al nuovo esecutivo M5S-Pd e Leu non esiste o meglio c'è: è il ritorno alle urne, magari già a settembre o ottobre. Il rischio è che senza cambiare radicalmente la legge elettorale  in cui il proporzionale è dominante e con un premio di maggioranza proibitivo, tutto resti com'è, salvo qualche percentuale in più o in meno tra i tre schieramenti (M5S, centro-destra e centro-sinistra) che sarebbero comunque obbligati di nuovo a trovare un accordo per formare il governo.

 

Tags:
sinistra
in evidenza
Malocclusione dentale e abitudini Cos’è, come trattarla e conseguenze

Trattamento ortodontico

Malocclusione dentale e abitudini
Cos’è, come trattarla e conseguenze


in vetrina
BioNike presenta la nuova linea antietà Cosmeceutical

BioNike presenta la nuova linea antietà Cosmeceutical


motori
Dacia Spring si aggiudica il titolo di auto più Verde del Green NCAP 2022

Dacia Spring si aggiudica il titolo di auto più Verde del Green NCAP 2022

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.