A- A+
Esteri
Lavorare in Usa, Eric Trump sfida il padre e assume stranieri nella sua vigna

Il figlio Donald Trump, Eric Trump, vuole assumere lavoratori stranieri nella sua vigna in Virginia

 

Mentre il padre, presidente degli Stati Uniti, cerca di favorire l'assunzione di lavoratori americani nelle aziende a stelle e strisce, Eric Trump vuole reclutare 23 lavoratori stranieri nella sua vigna in Virginia.

Eric Trump sfida il padre Donald? La Trump Vineyard Estates Winery in Virginia è di proprietà di Eric Trump e ha chiesto il permesso di assumere 23 lavoratori stranieri supplementari, in base alle informazioni in mano al Buzzfeed News. Trump Vineyard Estates ha presentato una domanda per l'assunzione di 23 persone con un visto H-2A per la manutenzione dei vigneti e per la vendemmia.

Il presidente Usa Donald Trump non è più il proprietario dei vigneti dal 2012, quando il figlio Eric Trump ha preso in mano le redini. Nel giorno del suo insediamento, lo scorso 20 gennaio, The Donald ha annunciato che i suoi due figli maggiori avrebbero preso le redini della Trump Organization.

Il vigneto aveva già assunto sei operai lo scorso dicembre a 11,27 dollari l'ora, una valore superiore al salario medio degli Stati Uniti (che è di 7,25 dollari). Altre aziende dell'impero Trump hanno utilizzato più volte in passato lavoratori stranieri: almeno 286 sono stati assunti dal giugno 2015.

 

Donald Trump "America First":  Visto h2a Usa

 

Il visto federale H-2A permette ai datori di lavoro degli Stati Uniti di assumere temporaneamente lavoratori stranieri. Il visto è valido per un massimo di dieci mesi e può essere rinnovato dallo stesso datore di lavoro o da un'altra azienda. E 'stato criticato all'inizio di dicembre in un rapporto delle Nazioni Unite che si è preoccupato per le condizioni di lavoro dei dipendenti che, con questo tipo di visto, sono spesso sfruttati e talvolta anche picchiati.

Come l'attuazione del suo slogan della campagna elettorale "America First", Donald Trump intende dare priorità all'assunzione dei lavoratori americani. Durante la campagna, il presidente aveva espresso sostegno per una riforma dei visti (H-1B e L: visti per i lavoratori stranieri qualificati; H-2A e H-2B: visti per i lavoratori stranieri non qualificati). Trump ha poi sollevato la possibilità che le aziende presenti sul suolo americano favoriscano i lavoratori americani e offrano loro posti di lavoro con il salario medio locale, a differenza di lavoratori immigrati che a volte vengono pagati di meno. La proposta aveva sollevato le proteste delle aziende della Silicon Valley che impiegano un numero elevato di lavoratori stranieri. Le aziende di tecnologia si sono nuovamente mobilitate a fine gennaio contro il decreto anti-immigrazione firmato dall'inquilino della Casa Bianca.

Tags:
eric trumpdonald trumpvisto h2alavorare in usaamerica first
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.