A- A+
Esteri
Libia, ferito il ministro dell'Interno. Si rischia lo scontro Turchia-Egitto

LIBIA: FORZE HAFTAR, FERITO MINISTRO INTERNI TRIPOLI

Il ministro degli Interni del governo libico di accordo nazionale, Fathi Bashagha, è rimasto ferito questa notte quando il suo convoglio è stato attaccato a colpi d'arma da fuoco a Misurata, 180 chilometri a est di Tripoli. Lo ha scritto su Facebook il media center della 'Karama Operation', che fa capo all'autoproclamato Esercito nazionale libico del generale Khalifa Haftar. Secondo le fonti, il Bashagha è stato vittima di un tentato assassinio da parte di milizie armate non identificate. Considerato vicino ai Fratelli Musulmani e uomo forte del governo di Tripoli, Bashagha è stato attaccato dopo che aveva lasciato una riunione a Misurata con alcuni ufficiali militari e uomini della sicurezza.

LIBIA: AL-SISI, 'GOVERNO AL-SERRAJ OSTAGGIO DELLE MILIZIE ARMATE'

Il governo di accordo nazionale del premier libico Fayez al-Serraj è tenuto ''in ostaggio'' da parte delle milizie armate. Ne è convinto il presidente egiziano Abdel-Fattah al-Sisi, che intervenendo a un forum a Sharm el-Sheikh ha detto che ''il governo a Tripoli è tenuto in ostaggio da milizie armate e terroriste''. L'intervento di al-Sisi arriva a tre giorni da quando l'autoproclamato Esercito nazionale libico del generale Khalifa Haftar ha annunciato una nuova battaglia ''decisiva'' per prendere il controllo di Tripoli. La sicurezza egiziana, ha proseguito al-Sisi, ''è direttamente colpita'' dalla situazione in Libia. ''Avremmo potuto intervenire in Libia, ma non lo abbiamo fatto per rispetto di fratellanza'', ha aggiunto. L'Egitto, insieme agli Emirati Arabi Uniti e all'Arabia Saudita, sostengono il generale Haftar, mentre Turchia e Qatar sono schierate dalla parte del governo di al-Serraj. 

LIBIA: ERDOGAN RIBADISCE, 'PRONTI AD AIUTI MILITARI A SERRAJ SE RICHIESTO'

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha ribadito che Ankara è pronta a fornire aiuti militari al governo di accordo nazionale libico del premier Fayez al-Serraj se ne farà richiesta. ''Proteggeremo i diritti della Libia e della Turchia nel Mediterraneo orientale. Siamo più che pronti a dare il supporto necessario alla Libia'', ha detto Erdogan all'emittente A Haber Tv dopo un incontro a porte chiuse ieri a Istanbul con al-Serraj. Il presidente turco ha quindi criticato il generale Khalifa Haftar, capo dell'autoproclamato Esercito nazionale libico, affermando che ''non è un leader legittimato ed è il rappresentante di una struttura illegale''. Già il 10 dicembre Erdogan aveva detto che la Turchia era pronta a ''inviare un numero sufficiente'' di militari ''se la Libia dovesse chiedere assistenza militare. La Turchia prenderà una decisione in merito in modo indipendente, non chiederemo il permesso a nessuno''.

Commenti
    Tags:
    libiaserrajturchia
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Skoda Kodiaq, ordinabile in Italia

    Nuovo Skoda Kodiaq, ordinabile in Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.