A- A+
Esteri
Libia, il consiglio di Zliten sostiene Serraj ma vuole la Sharia

Il consiglio comunale di Zliten, nella Libia occidentale, ha annunciato in una nota il proprio sostegno al Consiglio di presidenza del governo di riconciliazione nazionale libico guidato dal premier incaricato Fayez al Serraj. I leader di Zliten hanno chiesto pero' che "il processo di transizione avvenga in modo pacifico in modo che tutte le parti possano partecipare al dialogo nell'interesse del paese per costruire uno stato di diritto basato sulla legge e sui principi della Sharia islamica".

I consiglieri di Zliten hanno apprezzato "gli sforzi condotti finora per evitare spargimenti di sangue e nuovi martiri a Tripoli". Il consiglio di Zliten aveva sostenuto fino a pochi mesi fa il Congresso nazionale di Tripoli, il parlamento non riconosciuto dalla comunita' internazionale.

Tags:
libia
in evidenza
Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

Stramare, nuova Diletta

Carolina, la musa del calcio
Regina della serie B in tv

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.