A- A+
Esteri
Macron da Xi: "Conto su di te per la pace". Kiev apre alla Russia sulla Crimea
Emmanuel Macron incontra Xi Jinping a Pechino

Ucraina pronta a negoziare sulla Crimea “se la controffensiva avrà successo”. Podolyak ribatte: “Sì, ma non indietreggeremo sui territori”

“Se riusciremo a raggiungere i nostri obiettivi strategici sul campo e quando saremo al confine amministrativo con la Crimea, siamo pronti ad aprire una pagina diplomatica per parlare della questione". Lo assicura Andriy Sybiha, numero due dell’ufficio di Zelensky, al Financial Times.

Su questo però è subito arrivata la rettifica del consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak: "A proposito di basi. La base per negoziati veri con la Federazione Russa è il ritiro completo dei gruppi armati russi oltre i confini dell'Ucraina riconosciuti internazionalmente nel 1991. Compresa la Crimea. Sono fuori questione concessioni territoriali o trattative sui nostri diritti sovrani".

Mosca:“L’Occidente ha solo da guadagnare dal successo della controffensiva o non riuscirà più a fare molto per l’Ucraina”

Sui pronostici del contrattacco ucraino, il consigliere del Cremlino, Dmitrij Suslov – come riporta il Corriere della Sera - si esprime chiaramente: “Siamo sicuramente alla vigilia di un grossa offensiva da parte dell’Ucraina, il cui principale obiettivo sarà probabilmente il Mare di Azov, nel tentativo di tagliare il collegamento con la Crimea". E aggiunge: "Dalla prospettiva russa l'Occidente scommette molto sul successo dell'offensiva, sia per ragioni militari poiché la quantità di armi e munizioni che può fornire a Kiev comincia a scarseggiare" che "per ragioni politiche".

Insomma, questa controffensiva è l’ago della bilancia nel conflitto: se avrà successo, l’Occidente tirerà un grosso sospiro di sollievo. Se non vince: “Kiev si troverebbe in una posizione molto più debole e allora sarebbe la Russia a lanciare la sua offensiva - afferma Suslov - Non dobbiamo esagerare, né sottovalutare il potenziale militare dell’Ucraina. Guardiamo i numeri però: finora secondo le nostre stime, sono stati consegnati 57 nuovi tank su 300 promessi, compresi i Leopard 2 tedeschi e i Challenger britannici. Ma anche se arrivassero tutti, non sarebbero molti. Tenuto conto anche del resto, blindati, obici, munizioni e caccia, quella ucraina è una minaccia seria". La chiosa finale: "Non credo che queste siano le 'armi magiche', in grado di fare la differenza sul terreno". 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cinafranciaguerra russia ucrainamacronvon der leyenxi jinping





in evidenza
Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo

L'annuncio a sorpresa

Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo


in vetrina
Netflix, non solo serie tv e film: ora lancia la sua linea di pop corn

Netflix, non solo serie tv e film: ora lancia la sua linea di pop corn


motori
La Lamborghini Countach LP 400 S di “The Cannonball Run” compie 45 anni

La Lamborghini Countach LP 400 S di “The Cannonball Run” compie 45 anni

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.