A- A+
Esteri
Macron, dieci anni di pianoforte. Le Pen, amante dei nightclub afro

Presidenziali, secondo turno, l'altro lato dei competitor del 24 aprile


Uno studente molto, molto bravo. Emmanuel Macron ha raramente conosciuto la parola fallimento nella sua vita. Da bambino è cresciuto ad Amiens ed è stato particolarmente coccolato dai genitori Françoise e Jean-Michel Macron, entrambi medici. Ma ha adorato soprattutto la nonna materna Germaine Noguès, soprannominata Manette, che gli ha insegnato in particolare la grammatica, i grandi autori (Molière, Racine...), come racconta Anne Fulda nella sua biografia "Emmanuel Macron, un giovane così perfetto uomo” (Plon). Il presidente, da piccolo, è stato anche molto impegnato con il pianoforte, che ha praticato per dieci anni al Conservatorio di Amiens.

Dopo aver frequentato una scuola primaria pubblica, scrive il sito etudiant.lefigaro.fr, è tornato in prima media a La Providence ad Amiens (Somme) su consiglio della nonna. In questo eccellente istituto cattolico privato apprezzato dalla borghesia della regione, Emmanuel impressiona i suoi maestri. Fu in prima classe che prese lezioni da Brigitte Trogneux, allora insegnante di francese. L'insegnante, madre di tre bambini, conduce anche un corso di teatro che Emmanuel segue diligentemente. "In classe, scriveva continuamente poesie, che lei leggeva davanti a tutta la classe", racconta un ex compagno di classe a Europa 1. In primo luogo, ha superato il Concorso generale francese di cui è stato vincitore regionale nel 1994.

Per tenerlo lontano da Brigitte, con la quale ha stretto una relazione intima, i suoi genitori mandano Macron a Parigi al Lycée Henri IV. Nel 1995 ha conseguito la laurea S (scientifica), con lode. Ha proseguito gli studi nella classe preparatoria letteraria (settore BL lettere e scienze sociali) sempre al Liceo Henri IV. Ha fallito due volte l'esame scritto per l'École Normale Supérieure. Ha proseguito gli studi presso l'Università di Parigi-Nanterre dove ha conseguito un master e poi un DEA in filosofia.

Appassionato di filosofia, Macron è stato assistente editoriale del filosofo Paul Ricoeur, per il libro La Mémoire, l'histoire, l'oublie (Seuil, 2000). Successivamente è entrato a far parte dell'Istituto di studi politici di Parigi, presso il quale si è laureato nel 2001. Ha poi superato l'esame di ammissione per l'ENA di Strasburgo (classificato 5°), promozione Léopold Sédar Senghor. Durante i suoi studi all'ENA, ha svolto il suo tirocinio presso l'ambasciata in Nigeria.

A prima vista, la carriera studentesca di Marine Le Pen sembra irreprensibile. È stata tra le migliori studentesse al liceo pubblico Florent-Schmitt (ora Lycée Alexandre-Dumas) a Saint-Cloud, dove ha conseguito il diploma di maturità B (economia) nel 1986. Ha proseguito gli studi presso l'Università Panthéon-Assas Paris II, dove ha conseguito un master in giurisprudenza (con specializzazione in carriere giudiziarie) nel 1990, poi un DEA in diritto penale nel 1991. È diventata avvocato nel 1992 .

Ad Assas è stata presa sotto l'ala protettrice di Jean-Claude Martinez, un professore di diritto che è stato uno stretto consigliere di suo padre, come racconta il giornalista Renaud Dély nel suo libro The Real Marine Le Pen, Plon, 2017. Nel primo e poi nel secondo anno, è "venuta a fare i compiti nel mio ufficio all'Assemblea nazionale", afferma il deputato di Frontist.

A vent'anni, Marine Le Pen si godeva la giovinezza. Nonostante ciò, nella loro biografia non autorizzata Politics, la gioventù nascosta di Marine Le Pen (La Tengo, 2017), i giornalisti David Doucet e Mathieu Dejean raccontano che frequentava regolarmente i locali notturni. In particolare dal box Les Bains Douches, dove "le piace pavoneggiarsi in mezzo alle celebrità", come racconta Marie d'Herbais, una delle sue migliori amiche dell'epoca. La giovane Marine esce molto, fuma molto e va molto spesso al Palace o al Keur Samba, il "miglior nightclub afro di Parigi", dove balla zouk, secondo un'ex habitué. All'epoca il suo impegno politico era ancora molto discreto. Nel 1992, dopo aver frequentato la Scuola di Formazione Professionale per gli Avvocati della Corte d'Appello di Parigi (EFB), ha conseguito l'Attestato di attitudine alla professione forense (CAPA) ed è diventata Avvocato presso l'Ordine degli Avvocati di Parigi. Ha iniziato la sua carriera nell'ufficio di Georges-Paul Wagner, un ex vice FN di Yvelines. È stata poi iscritta come cancelliera d'ufficio nella XXIII camera, dove si è costruita la reputazione di “baluardo degli espulsi”, difendendo un buon numero di migranti privi di documenti.

Commenti
    Tags:
    macron le pen francia





    in evidenza
    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

    Le foto

    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
    Matrimonio in vista? Quell'anello...

    
    in vetrina
    Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

    Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


    motori
    Opel storiche,ci si vede a Ferrara il 14 Settembre

    Opel storiche,ci si vede a Ferrara il 14 Settembre

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.