A- A+
Esteri
Medio Oriente, clamorosa apertura dei sauditi all’Iran: senza Usa c'è la pace

Clamorosa apertura dei sauditi verso l'Iran, finora considerato un nemico del regno. Il principe ereditario dell'Arabia Saudita Mohammed bin Salman in un'intervista televisiva trasmessa ieri usa toni concilianti verso il Paese vicino, dicendo che cerca relazioni "buone", dopo che fonti hanno detto che i rivali hanno tenuto colloqui segreti a Baghdad. I due Paesi, impegnati in una lotta per il dominio regionale, hanno tagliato i loro legami nel 2016 dopo che manifestanti iraniani avevano attaccato le missioni diplomatiche saudite in seguito all'esecuzione da parte del regno di un importante religioso sciita.

"L'Iran è un Paese vicino, e tutto ciò a cui aspiriamo è un rapporto buono e speciale con l'Iran", ha detto il principe ereditario saudita. "Non vogliamo che la situazione dell'Iran sia difficile. Al contrario, vogliamo che l'Iran cresca ... e spinga la regione e il mondo verso la prosperità", ha aggiunto, spiegando che Riad stava lavorando con partner regionali e globali per trovare soluzioni al "comportamento negativo" di Teheran. Tutto ciò segna un cambiamento di tono rispetto alle precedenti interviste del principe Mohammed, in cui si è scagliato contro Teheran, accusandola di alimentare l'insicurezza regionale. 

Nell'intervista il principe non ha parlato di trattativa con Teheran. I colloqui a Baghdad, facilitati dal primo ministro iracheno Mustafa al-Kadhemi, sono rimasti segreti fino a quando il Financial Times ha riferito che si era tenuto un primo incontro il 9 aprile. Un funzionario del governo iracheno ha poi confermato i colloqui all'Afp, mentre un diplomatico occidentale ha affermato di essere stato "informato in anticipo" sullo sforzo di "mediare un rapporto migliore e diminuire le tensioni".

Riad ha ufficialmente negato i colloqui nei media ufficiali sauditi mentre Teheran è rimasta zitta, affermando solo che ha "sempre accolto con favore" il dialogo con l'Arabia Saudita. L'iniziativa arriva in un momento di mutevoli dinamiche di potere, poiché il presidente degli Stati Uniti Joe Biden sta cercando di rilanciare l'accordo nucleare abbandonato da Donald Trump. L'Arabia Saudita e l'Iran hanno sostenuto le parti opposte di diversi conflitti regionali, dalla Siria allo Yemen. In quest'ultimo una coalizione guidata dai sauditi sta combattendo i ribelli huthi, sostenuti dall'Iran sostiene i ribelli Huthi, i quali hanno anche intensificato gli attacchi con droni e missili su obiettivi sauditi, compresi i suoi impianti petroliferi. Nella sua intervista, il principe Mohammed ha rinnovato le richieste di un cessate il fuoco e negoziati con i ribelli.

Commenti
    Tags:
    medio oriente apertura iranmedio oriente usa iran





    in evidenza
    Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

    Guarda le foto

    Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

    
    in vetrina
    Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

    Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici


    motori
    Lancia e Cassina protagonisti alla Milano Design Week 2024 con la Nuova Ypsilo

    Lancia e Cassina protagonisti alla Milano Design Week 2024 con la Nuova Ypsilo

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.