A- A+
Esteri
Migranti, Berlino si oppone alla riforma. Si va verso il flop. Salvini assente

La Germania "e' critica" su alcuni punti della proposta della presidenza bulgara di riforma del regolamento di Dublino e "cosi' com'e'" non accettera' di approvarla". Lo ribadisce il segretario di Stato agli Interni tedesco, Stephan Mayer, arrivando a Lussemburgo per il Consiglio Ue Affari interni. "Sono profondamente convinto che non sia solo l'Italia a questo stadio, a opporsi alla riforma del sistema europeo di asilo - ha detto Mayer rispondendo alle domande dei giornalisti - le critiche vengono anche dai paesi di Visegrad e anche la Germania critica alcuni punti specifici".

Mayer ha ricordato che anche il Governo Gentiloni "aveva espresso le sue critiche" alla bozza bulgara. "Noi siamo aperti a una discussione costruttiva sulla proposta della presidenza bulgara ma allo stato attuale non la accetteremo", ha ribadito. Nulla di fatto dunque in vista nella discussione di oggi al Consiglio dei ministri dell'Interno dell'Ue sulla riforma del sistema dell'asilo di Dublino. Appuntamento a cui il neo ministro dell'Interno italiano Matteo Salvini è assente per il voto di fiducia del governo al Senato.

Salvini intanto ha incassato il sostegno dell'Austria che considera l'Italia "un alleato forte". Il ministro dell'Interno di Vienna Herbert Kickl ha fatto sapere che se non ci sarà un'intesa sulla proposta per la riforma del regolamento di Dublino sul tavolo, al vertice dei leader Ue di giugno, alla riunione informale Affari interni di Innsbruck, a settembre (durante la presidenza austriaca), l'Austria "annuncerà qualcosa come un piccola rivoluzione copernicana" sulla politica di asilo.

La proposta di compromesso posta sul tavolo dalla presidenza di turno bulgara del Consiglio Ue non dispone dell'appoggio della maggioranza qualificata degli Stati membri, visto che, oltre alle critiche tedesche, vi si oppongono da una parte l'Italia e gli altri Paesi in prima linea lungo le rotte dei flussi migratori nel Mediterraneo, e dall'altra, per ragioni opposte, l'Austria e i quattro Paesi del gruppo di Visegrad (Polonia, Ungheria, Repubblica ceca e Slovacchia).

Nonostante il Trattato Ue consenta di prendere le decisioni in questo settore a maggioranza qualificata, in questa fase del negoziato sia la Commissione che la presidenza bulgara vorrebbero un accordo unanime per evitare di creare ulteriori fratture fra gli Stati membri. Prevedibilmente, dunque, i ministri oggi non potranno che prendere atto del loro disaccordo, e il dossier passerà nelle mani dei capi di Stato e di governo al Consiglio europeo di fine giugno, a Bruxelles.

I Paesi mediterranei temono che questa riforma, così debole, cambi molto poco o per nulla la situazione attuale, mentre il blocco dell'Europa centro orientale insiste sulla sua opposizione di principio alla possibilità che decisioni di politica comune Ue, prese a maggioranza qualificata (come prevede il Trattato) possano imporre a un Paese sovrano decisioni su chi ammettere sul proprio territorio. Il compromesso proposto dalla presidenza semestrale bulgara è meno ambizioso della proposta originaria della Commissione europea e lo è molto meno rispetto alla posizione sulla riforma che ha preso a larga maggioranza l'Europarlamento.

Il testo della presidenza, in particolare, renderebbe più complesso da attivare, meno "automatico" e meno obbligatorio il meccanismo permanente di attivazione dei "ricollocamenti" dei richiedenti asilo, secondo "quote eque" di redistribuzione in tutti gli Stati membri assegnate in base a due soli criteri oggettivi: la popolazione e il Pil del Paese interessato.

La proposta di compromesso, nella parte relativa alla "giusta redistribuzione" dei richiedenti asilo in tutti gli Stati membri, è talmente complicata da sembrare scritta apposta per non essere mai applicata. In buona sostanza, la proposta iniziale della Commissione prevedeva un meccanismo permanente con due fasi, la situazione normale in cui ogni Paese è responsabile (come oggi) dei richiedenti asilo che arrivano sul suo territorio, e quella d'emergenza in cui scatta la solidarietà degli altri Paesi membri - con i ricollocamenti - quando i flussi aumentano oltre il 100% rispetto all'anno precedente.

La proposta della presidenza bulgara, invece, aumenta la fasi del meccanismo a tre: fase normale, crisi difficile ("challenging") e crisi grave ("severe"). La fase "difficile" scatta quando i flussi di richiedenti asilo in un Paese superano la soglia del 120% della situazione "normale" e, in più, corrispondono a oltre lo 0,15% della popolazione del paese interessato; la crisi "grave" viene innescata quando si va oltre il 140%. C'è però anche una soglia ulteriore, il 160%, che fa scattare misure più drastiche, con più potere in mano alla Commissione europea.

Quando uno Stato membro entra nella fase "difficile" (120%), viene attivata una serie di aiuti economici nei suoi confronti da parte dell'Ue e vengono incoraggiati ricollocamenti volontari di richiedenti asilo in base ad accordi bilaterali con gli altri Paesi membri che sono disposti ad accoglierli. Quando si passa alla crisi "grave" (140%), la Commissione propone dei ricollocamenti obbligatori al Consiglio Ue, che può approvarli a maggioranza qualificata. I ricollocamenti, una volta decisi, continuano fino a quando il Paese in "crisi grave" non ritorna ai livelli di afflusso di richiedenti asilo della fase "normale".

Tags:
migrantiimmigratimatteo salvinitrattato di dublino
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.