A- A+
Esteri
Myanmar, Aung San Suu Kyi condannata ad altri quattro anni di carcere

L'ex Nobel per la pace Aung San Suu Kyi è stata condannata ad altri 4 anni di carcere per il reato d'importazione illegale di walkie-talkie 

L'ex leader birmana nonché Nobel per la pace, Aung San Suu Kyi è stata condannata da un tribunale di Myanmar ad altri quattro anni di carcere con l'accusa di importazione e possesso illegale di walkie-talkie e violazione delle disposizioni per contenere i contagi da coronavirus.

Dopo i quattro anni di detenzione, poi ridotti a due, per incitamento ai disordini pubblici e violazione delle norme sanitarie legate al Covid comminati a dicembre, questa volta i giudici al servizio della giunta dittatoriale hanno emesso un verdetto di quattro anni di carcere per il reato d'importazione illegale di walkie-talkie.

La condanna è stata messa nell'ambito di un più vasto "processo-farsa" al termine del quale alla leader politica, che ha 76 anni, potrebbero venire comminati decenni di anni di carcere. Agli arresti dal golpe del primo febbraio dello scorso anno, la Premio Nobel per la Pace era già stata condannata a inizio dicembre a due anni di reclusione per incitamento ai disordini e violazione delle restrizioni imposte nel mezzo della pandemia di coronavirus. La 76enne Aung San Suu Kyi è accusata tra l'altro anche di corruzione

Commenti
    Tags:
    aung san suu kyimyanmar





    in evidenza
    Affari in rete

    Guarda il video

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Belen paparazzata col nuovo fidanzato. Ecco chi è l'amore misterioso

    Belen paparazzata col nuovo fidanzato. Ecco chi è l'amore misterioso


    motori
    MINI Aceman: innovazione e stile nel nuovo crossover elettrico

    MINI Aceman: innovazione e stile nel nuovo crossover elettrico

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.