A- A+
Esteri
Myanmar di Aung San Suu Kyi accusato di genocicio

UNA ONG ACCUSA MYANMAR DI GENOCIDIO

Un rapporto dell'organizzazione non governativa Fortified Rights, pubblicato ieri, accusa il Myanmar di "genocidio" contro i Rohingya e di abusi e stupri di militari locali ai danni delle donne di questa minoranza musulmana. In questo documento di 30 pagine pubblicato dall'ong assieme al Memoriale dell'Olocausto degli Stati uniti, si spiega che "le forze di sicurezza e i civili birmani hanno compiuto crimini contro l'umanità e hanno condotto una campagna di pulizia etnica". "Le prove che questi atti rappresentano un genocidio contro la popolazione Rohingya continuano ad accumularsi", si legge nel rapporto, che parla anche di vittime sgozzate o bruciate vive. 

Gli autori del rapporto hanno intervistato più di 200 persone (sopravvissuti, testimoni e operatori umanitari) per documentare due ondate di attacchi delle forze birmane contro i Rohingya tra il 9 ottobre e il dicembre 2016 e dal 25 agosto 2017. Le operazioni militari lanciate a fine agosto hanno spinto oltre 600.000 persone di questa minoranza musulmana all'esilio in Bangladesh.

Tags:
myanmaraung san suu kyi
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.