A- A+
Esteri
Niger, ore decisive per evitare la guerra. Tajani: "Dobbiamo restare in Sahel"
Golpe in Niger

Niger, conto alla rovescia per evitare la guerra

Se entro domenica le truppe ribelli non rimetteranno al potere Mohamed Bazoum, l’Ecowas interverrà militarmente. E' questo il drammatico e preoccupante scenario riportato da Repubblica sul Niger. Intanto un generale di Tiani guida una delegazione in Mali, che appoggia il putsch. E la Nigeria interrompe le forniture di energia.

Ma i golpisti non mollano. “Il Consiglio nazionale per la salvaguardia della patria respinge in blocco le sanzioni e si rifiuta di cedere a qualsiasi minaccia e da qualunque parte provengano”. Lo ha detto il generale Abdourahamane Tiani, capo della giunta militare che ha preso il potere a Niamey, in un discorso televisivo. "Rifiutiamo qualsiasi interferenza negli affari interni del Niger", ha aggiunto, alla vigilia della commemorazione dell'indipendenza del Paese, ex colonia francese.  Secondo Tiani, i francesi "non hanno motivi oggettivi per lasciare il Niger", i cittadini francesi "non sono mai stati oggetto della minima minaccia" e non hanno "alcun motivo oggettivo per lasciare il Niger".

Tajani: "I soldati italiani restano in Niger"

Sempre a Repubblica ha concesso un'intervista Antonio Tajani. "La situazione è in fase di evoluzione. Siamo favorevoli a qualsiasi tentativo diplomatico per trovare un accordo e per questo abbiamo tenuto aperta l’ambasciata a Niamey, e anzi la nostra ambasciatrice è rientrata in sede. Deve essere ripristinata la democrazia. Ma vogliamo che siano individuate soluzioni pacifiche. Siamo sempre stati contrari anche all’ipotesi di qualsiasi intervento militare europeo. Oggi è una giornata delicata, è stata annunciata una manifestazione che potrebbe arrivare di nuovo fino all’ambasciata francese", dice il ministro degli Esteri italiano.

L’Italia ha 350 soldati presenti nel paese. "Al momento rimangono dove sono. I militari italiani come tutti gli altri contingenti occidentali. Noi addestravamo i contingenti nigerini e per ora abbiamo congelato naturalmente quelle attività, il nostro contingente rimane in caserma, nella sua base. La sicurezza dell’ambasciata è garantita dai carabinieri. Non è previsto un aumento del loro numero", dice Tajani a Repubblica, che fa notare che Francia, Germania e Spagna hanno sospeso gli aiuti al Niger. L’Italia no. "Non abbiamo finanziamenti al bilancio, quindi questo rischio non si corre. Sono tutti finanziamenti alla società civile, alla cooperazione. E quelli bloccati dall’Ue sono legati a quelli diretti al bilancio", risponde Tajani.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
nigersaheltajani





in evidenza
Affari in rete

Politica

Affari in rete


in vetrina
Il miele italiano sta scomparendo: il clima pazzo manda in crisi le api

Il miele italiano sta scomparendo: il clima pazzo manda in crisi le api


motori
La nuova CUPRA Formentor: l’evoluzione del successo nel segmento SUV coupé

La nuova CUPRA Formentor: l’evoluzione del successo nel segmento SUV coupé

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.