A- A+
Esteri
Papa Francesco riceve Erdogan: non parla della violazione dei diritti umani

Papa Francesco è un gesuita e i gesuiti sono noti per le loro sottili arti diplomatiche e le loro astuzie.

Non per niente è stato proprio un gesuita, Padre Matteo Ricci, ad aprire le porte della Cina all’Occidente e per questo è ancora ricordato con gratitudine ed affetto nel Paese della Seta.

Ma veniamo al presente e il presente ha il nome del Presidente turco Recep Tayyip Erdogan

che per l’occasione si è presentato vestendo gli abiti per lui desueti del politically correct. Infatti il Presidente della Turchia ha commentato, giustamente, in partenza dall’aeroporto di Ankara che gli atti di Macerata di Luca Traini contro gli stranieri sono razzismo.

Parole che però non sono sfuggite alla Presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni che non si è fatta sfuggire l’opportunità di replica: “Per Erdogan quello che è successo a Macerata è un ‘attacco razzista contro l’Islam’. Il presidente turco è un bieco incantatore di serpenti”.

Ma torniamo al Papa. Mentre vicino al Vaticano si svolgeva da parte dei curdi un corteo contro il Erdogan che ha provocato tafferugli, il Papa incontrava il presidente turco.

Significativo lo scambio dei doni: Francesco ha regalato a Erdogan un quadretto che ritrae la basilica di San Pietro nel 1600, copia della Laudato sì e soprattutto un medaglione con “l’angelo della pace che strangola il demone della guerra”, mentre Erdogan ha ricambiato con libri del teologo musulmano Mevlana Rumi e la solita immagine di Istanbul.

In realtà quello che interessa al Papa e ad Erdogan è la questione dello spostamento deciso dal presidente Usa Donald Trump dell’ambasciata Usa a Gerusalemme.

Sia il Papa terzomondista che il Erdogan sono contrari.

Quello che però ci si aspettava dal Pontefice non è venuto: non una parola sui diritti umani in Turchia e per la libertà di stampa violata nei confronti dei giornalisti.

Il bis di quello che aveva fatto nel suo viaggio in Myanmar, l'antica Birmania in cui aveva elegantemente glissato sulla questione della minoranza Rohingya perseguitata, con la presidentessa ex pasionaria Aung San Suu Kyi, una volta paladina dei diritti umani ed ora da più parte additata complice del governo militare che perseguita la minoranza islamica.

https://www.panorama.it/news/esteri/aung-san-suu-kyi-roma-dubbi/

Anche dalla Cina vengono critiche al Papa per la sua linea morbida nei confronti del Partito Comunista Cinese che nomina, di fatto, vescovi al posto del Vaticano mettendo in grave difficoltà quei sacerdoti che invece si sono opposti coraggiosamente alla dittatura comunista.

http://www.affaritaliani.it/cronache/vaticano-cina-il-vaticano-sta-svendendo-la-chiesa-cattolica-in-cina-522136.html

Forse Papa Francesco ha imparato fin troppo bene l’insegnamento del confratello Matteo Ricci.

Tags:
papa francescoerdogandiritti umanilibertà di stampaluca traini
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
CUPRA Born,ordinabile in Italia

CUPRA Born,ordinabile in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.