A- A+
Esteri
Petrolio: raffinerie e trasporto: i nodi che legano l'Ue alla Russia

Le difficoltà Ue a rinunciare al petrolio russo

L'Unione europea ha preso ancora tempo a imporre l'embargo sul petrolio russo. La misura e' stata invece adottata (l'8 marzo) senza troppi tentennamenti da Stati Uniti e Gran Bretagna pochi giorni dopo l'invasione russa dell'Ucraina. Uno dei motivi di questa discrepanza è nei numeri. Secondo l'Aie (Agenzia internazionale dell'energia) la Russia, maggior esportatore di greggio al mondo, alla fine del 2021 vendeva sui mercati globali quasi 8 milioni di barili al giorno.

Di questi, il 60% arriva in Europa, l'8% in Usa e Gb. Secondo i dati di Bp, le esportazioni russe di greggio e prodotti petroliferi in Europa rappresentano il secondo maggior flusso bilaterale di petrolio al mondo, solo dietro quello tra Stati Uniti e Canada. Nella Statistical review of world energy, il report annuale di BP, nel 2019, l'ultimo anno prima della pandemia, la Russia aveva fornito il 29% delle importazioni di greggio europee e il 51% di quelle di prodotti petroliferi del continente.

Londra pur aderendo all'embargo statunitense ha detto subito che lo stop delle forniture sara' graduale e avverra' entro la fine dell'anno. L'import di idrocarburi (petrolio+gas) russo per Washington vale circa l'8% (3% il greggio) pari a 700.000 barili al giorno. Imporre un embargo immediato "da un giorno all'altro significherebbe far precipitare il nostro paese e l'intera Europa in una recessione", ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz recentemente. E proprio mentre il cancelliere tedesco parlava, il vice-premier russo, Alexander Novak, spiegava che con l'embargo europeo i prezzi potrebbero arrivare a 300 dollari al barile.

COMPRARE IL GREGGIO IN MEDIO ORIENTE

Nel breve termine, quindi, diventa estremamente difficile la sostituzione del greggio russo. Questa settimana, proprio a seguito dei rumors, le quotazioni sono salite di un altro 10% con il Brent, l'indice di riferimento globale, che ha sfiorato in chiusura di contrattazioni i 120 dollari al barile. I sostenitori dell'embargo ritengono che sia possibile eliminare il petrolio russo che arriva in Europa reindirizzando i flussi internazionali, riducendo in questo modo anche l'eventuale balzo dei prezzi. Secondo questa tesi il greggio russo 'sanzionato' verrebbe reindirizzato a Cina e India, liberando quello mediorientale che verrebbe consegnato alle raffinerie in Europa. Per quanto riguarda i prodotti derivati, l'olio combustibile russo e i distillati potrebbero essere inviati in Sud America, Africa e Asia, mentre l'Europa potrebbe utilizzare i prodotti non 'vietati' di Stati Uniti, Cina, India e Medio Oriente.

Tuttavia, osservano molti analisti, ci sarebbero molti ostacoli per realizzare questo piano. Innanzi tutto aumenterebbero i costi di trasporto per produttori e consumatori, con le rotte di approvvigionamento che diventerebbero molto piu' lunghe, facendo aumentare la domanda di navi cisterna, piu' costose rispetto a spedire il greggio attraverso un oleodotto. Altra criticita': le raffinerie sono settate per lavorare determinati tipologie di greggio. Cambiare quello russo e con quello mediorientale ridurrebbe l'efficienza, aumentando i costi e di conseguenza i prezzi. Il reindirizzamento dei flussi, spiega l'analista John Kemp in una articolo, interromperebbe rapporti commerciali ormai consolidati. I venditori mediorientali hanno investito tempo nella costruzione di relazioni a lungo termine con raffinerie in Cina, India e nel resto dell'Asia.

Commenti
    Tags:
    petrolioraffinerierussiaue





    in evidenza
    Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

    Guarda le immagini

    Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

    
    in vetrina
    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


    motori
    DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

    DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.