A- A+
Esteri
Russia, colpo di stato imminente. Putin "potrebbe essere assassinato"
Vladimir Putin, alla guida della Federazione russa dal 1999, o quale capo di Governo o di Stato. Un patrimonio personale stimato di 200 miliardi di dollari

Why Vladimir Putin will fall - Perché Vladimir Putin cadrà
Analisi per il sito thehill.com di Alexander J. Motyl, professore di scienze politiche alla Rutgers University-Newark, specialista di Ucraina, Russia e URSS, nazionalismo, rivoluzioni, imperi e teoria, autore di 10 libri


Russia, l'élite russa vuole far fuori Putin. Avvelenamento, incidente o... (clicca per leggere i dettagli clamorosi)
 


Il mood sta cambiando per il presidente russo Vladimir Putin. Solo poche settimane fa, pochi avrebbero previsto che Putin potesse essere ormai allo stremo. Ora, un buon numero di analisti russi, ucraini, dell'Europa orientale e americani suggeriscono apertamente che i suoi giorni potrebbero essere contati. Alcuni dicono addirittura che la sua fine sia inevitabile e vicina. Non tutti sono d'accordo con questa previsione, ovviamente, ma il sentiment è decisamente cambiato contro Putin.

La tesi a favore della fine imminente di Putin si basa sulla sua guerra contro l'Ucraina. Quella decisione sembra essere stata un errore strategico che ha scatenato tutte le conseguenze negative previste da chi pensava che nessun leader razionale si sarebbe imbarcato in una tale follia.

Invece di arrendersi al loro primo incontro con i soldati russi, l'esercito e il popolo ucraino hanno combattuto con notevole efficacia, coraggio e dedizione, trasformando la guerra in un'incombente sconfitta russa. L'esercito ucraino ha imposto enormi costi in termini di vite umane, di perdita di aerei, elicotteri, carri armati e mezzi corazzati per il trasporto di personale ed è pronto per una controffensiva. La maggior parte degli ucraini, e in particolare gli esperti analisti militari, prevedono la vittoria.

Inorridito dall'assalto di Putin, l'Occidente ha imposto sanzioni eccezionalmente severe alle élite russe, alle banche, alle imprese, alle compagnie aeree e alle navi e ha chiuso il gasdotto North Stream 2. Decine di aziende internazionali hanno lasciato il mercato russo. L'economia russa è stata rigettata in condizioni quasi sovietiche di isolamento totale dall'economia mondiale. L'inflazione e la disoccupazione aumenteranno, il PIL crollerà e il tenore di vita calerà precipitosamente. Anche gli oligarchi e i superricchi hanno perso miliardi di dollari in borsa a causa della svalutazione del rublo.

La guerra di Putin ha anche peggiorato significativamente la sicurezza della Russia. La NATO è stata mobilitata e galvanizzata; le truppe e le attrezzature militari statunitensi sono state dispiegate in numero maggiore in diversi stati della NATO; la cooperazione europea con gli Stati Uniti è migliorata; Finlandia e Svezia sono interessate ad aderire all'alleanza; e quasi tutti gli stati europei, comprese le neutrali Svizzera e Svezia, stanno fornendo all'Ucraina una qualche forma di assistenza militare. Il più grande cambiamento epocale si è verificato in Germania, che ha interrotto il North Stream 2, ha aumentato le sue spese militari e ha accettato di fornire all'Ucraina armi anticarro e antiaeree.

Putin viene spesso paragonato ad Adolf Hitler e i cittadini russi sono sgraditi in molte parti del mondo. La Russia ha perso tutto il soft power che possedeva e potrebbero volerci decenni per migliorare la sua immagine e reputazione nel mondo. Questo può avere poca importanza per i russi medi, ma avrà importanza per i ricchi russi che hanno fatto acquisti nei negozi di lusso e sono andati in vacanza sulla Riviera.

Come può un "sovrano" sopravvivere a conseguenze così disastrose per il suo paese?

I fautori della prossima fine di Putin ipotizzano che non sopravviverà (politicamente) perché il crescente numero di vittime e il collasso economico della Federazione alla fine spingeranno molti russi a protestare in strada e indurranno le élite economiche e politiche a cospirare contro di lui.

La combinazione di protesta popolare, macchinazioni delle élite, fallimento dello stato, popolarità in declino, guerra e isolamento internazionale avrà inevitabilmente un solo risultato: la cacciata di Putin. Alcuni analisti suggeriscono che rischi addirittura di essere assassinato. Altri sostengono che, dal momento che Putin è nascosto in un bunker, decapitarlo non deve comportare violenza fisica. Può essere ottenuto il risultato recidendo il "filo sottile" che lo lega alle istituzioni esecutive russe. Putin può essere neutralizzato semplicemente lasciandolo completamente isolato.

Gli scettici credono invece che Putin possa sopravvivere perché controlla un vasto apparato di sicurezza, perché le élite sanno che la loro sopravvivenza dipende dal mantenere stretti legami con lui e perché i russi sono o troppo intimiditi o troppo sottoposti al lavaggio del cervello per rivoltarsi contro il loro leader.

Commenti
    Tags:
    colpo di stato in russiaputin ha i giorni contatirivoluzione contro putinrussi contro putin





    in evidenza
    Affari in rete

    Politica

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Nutella, il gelato è stato già richiamato: c'è un problema con gli allergeni

    Nutella, il gelato è stato già richiamato: c'è un problema con gli allergeni


    motori
    Alpine apre il primo atelier Alpine a Barcellona

    Alpine apre il primo atelier Alpine a Barcellona

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.