A- A+
Esteri
Qatar 2022, geopolitica dei Mondiali: Doha esporta, la Cina mette il marchio

Da Italia 1934 a Qatar 2022: la geopolitica dei Mondiali di calcio

L'Italia del ventennio nel 1934. L'Argentina dei generali nel 1978. Ma anche gli Stati Uniti unica superpotenza nel mondo unipolare emerso dalla guerra fredda nel 1994. Oppure Giappone e Corea del Sud nel 2002, ad aprire quello che in molti chiamano "secolo asiatico". E ancora il Brasile del 2014 pronto alle Olimpiadi di Rio e nella velenosa coda della prima era Lula, che si è appena riaperta dopo le elezioni del mese scorso. La Russia di Vladimir Putin nel 2018, alla ricerca dell'ultima occasione per riallacciare i rapporti con l'occidente. Stavolta, tocca al Qatar, il primo paese del Medio Oriente a organizzare un mondiale di calcio.

In una storia lunga per ora 92 anni, la massima competizione calcistica per nazionali è sempre stata un'occassione non solo sportiva, ma anche diplomatica e geopolitica per i paesi ospitanti. Non fa eccezione l'edizione del 2022, la più controversa e criticata anche per le numerose denunce di violazione dei diritti umani perpetrate per organizzare un evento che concentra in un paese grande (o meglio piccolo) la metà della Lombardia 32 nazionali con tutti gli staff, sponsor e tifosi al seguito. Le incognite sull'ordine pubblico non sono poche.

Senza contare che il Qatar ha puntato tantissimo sul calcio per rifarsi l'immagine e lanciare il suo soft power in occidente. Basti pensare all'acquisizione di un club del calibro del Paris Saint Germain. E invece ci sono state diverse critiche. All'interno del piccolo Stato della penisola araba, favolosamente ricco, che svolge un ruolo estremamente attivo sulla scena mondiale, il ritmo incalzante delle critiche non è più interpretato come perplessità e frustrazione, ma come qualcosa che nasce dalla gelosia e dal razzismo.

La squadra danese indosserà maglie con il logo del produttore "sbiadito", perché il produttore Hummel "non vuole essere visibile in tornei che costano vite umane". La squadra australiana ha prodotto un video che esprime preoccupazione per la "sofferenza" dei lavoratori immigrati e per l'incapacità delle persone LGBTQ+ del Qatar di "amare la persona che hanno scelto". Otto delle 32 squadre intendono indossare una forma di fascia arcobaleno a sostegno dei diritti LGBTQ+.

Diritti umani? Il Qatar punta sul gas

Doha crede comunque che la Coppa del Mondo sarà comunque una grande pubblicità per il Qatar. Anche perché, al di là delle proteste singole di squadre o giocatori, i governi stranieri sanno quanto sia importante la cooperazione con il paese mediorientale. Il Qatar ha guadagnato diversi punti accogliendo le ambasciate in uscita da Kabul dopo il ritiro degli americani e la presa dei talebani nell'agosto del 2021. Il Qatar ha continuato a basare il suo approccio alla sicurezza geopolitica sul gas. L'Europa e l'Italia stessa si sono rivolti sempre di più a Doha per incrementare le importazioni energetiche dopo l'esplosione della guerra in Ucraina. E non sarà qualche problema ai Mondiali di calcio a far saltare la cooperazione in materia. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cinamondiali 2022qatar





in evidenza
Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"

Guarda le foto

Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.