A- A+
Esteri

Solo i cittadini italiani al momento possono adottare bambini russi, poiché l'Italia ha in primo luogo con la Russia un accordo bilaterale in merito, poi "non riconosce i matrimoni tra persone dello stesso sesso e, quindi, non c'è bisogno di modificare il trattato esistente". Lo detto Pavel Astakhov, difensore civico dei diritti del fanciullo presso il Cremlino. Astakhov ha inoltre sottolineato, che l'Italia osserva anche in modo corretto i termini dell'accordo, mentre le autorità russe non intendono dare i bambini in adozione ai cittadini di quei paesi con i quali non esiste un accordo bilaterale.

"Non è colpa nostra. Abbiamo una priorità di adozione nazionale", ha detto il mediatore. Secondo Astakhov, attualmente un accordo bilaterale sull'adozione in Russia è valido solo con l'Italia. Gia si sapeva: la guerra sulle adozioni Russia-Usa e l'approvazione da parte di Francia e Gran Bretagna dei matrimoni gay aveva "fatto diminuire la possibilità per i cittadini di questi Paesi di adottare bambini russi". Ma Mosca non si era mai espressa così apertamente sul trattato con l'Italia, già più volte portato ad esempio in sede negoziale con altri Paesi.

Inizialmente la legge Dima Yakovlev - prende il nome da un orfano russo, morto per un colpo di calore nel 2008 in America, dimenticato dal padre adottivo in auto - sembrava solo una ritorsione contro gli Usa, nel contesto di quella Guerra Fredda tornata in auge alla fine dello scorso anno tra Mosca e Washington. Tuttavia il divieto russo sulle adozioni verso l'America ha preso la forma di un manifesto della nuova era Putin, tornato al Cremlino più conservatore e deciso a presentarsi come un difensore dei valori ortodossi contro un occidente sempre più liberal.

Tags:
russiagayadozioni
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.