A- A+
Esteri
Russiagate, Trump pubblica il memo anti Fbi. Usa, rischio crisi costituzionale

Russiagate: Wp,Trump"non ha mai esitato"su ok a memo anti-Fbi

Il presidente Donald Trump "non ha mai avuto alcuna esitazione" sul via libera alla pubblicazione del controverso rapporto anti-Fbi della commissione Intelligence della Camera, guidata dai repubblicani che controllano il Congresso. Lo scrive il Washington Post, indicando che quando il rapporto e' stato portato all'attenzione del presidente lo scorso 18 gennaio, "ne ha parlato con amici e advisor e, ancor prima di leggerlo, Trump si e' assolutamente convinto di una cosa: il memo doveva essere pubblicato", sostiene il Wp. La diffusione del documento che accusa l'Fbi di aver avviato l'indagine sul Russiagate, ovvero sulle presunte collusioni tra la campagna elettorale del miliardario e il Cremlino, solo per danneggiare il presidente, e' attesa per oggi. L'Fbi e il ministero di Giustizia si sono dichiarati contrari alla sua diffusione giudicando il rapporto non accurato.

Russiagate: Cnn, capo Fbi pronto da dimettersi se esce memo

Secondo fonti della Casa Bianca citate dalla Cnn temono che il direttore dell'Fbi, Christopher Wray, nominato da Donald Trump il 2 agosto scorso al posto del licenziamento James Comey per l'inchiesta sul Russiagate, possa dimettersi se verra' pubblicato il rapporto dei repubblicani della commissione Intelligence della Camera che accusa il Bureau di aver gestito le indagini sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali con l'intento di danneggiare Trump. Rapporto stilato da Devin Nenus, presidente repubblicano della commissione Intelligence, che secondo i democratici sarebbe stato stilato con il solo obbiettivo di screditare tutta l'inchiesta sul Russiagate, gestita dalla prima ora dall'Fbi e soprattutto per indebolire quella autonoma gestita dal procuratore speciale Robert Mueller (repubblicano e direttore dell'Fbi per 13 anni, nominato da George W. Bush e confermato dal democratico Barack Obama). Inchiesta che toglie il sonno al presidente Trump.

Russiagate: Panetta,"crisi costituzionale" se ok a memo anti-Fbi

Gli Usa rischiano "una crisi costituzionale" se la Casa Bianca autorizzera' la pubblicazione del controverso rapporto della commissione Intelligence della Camera, a maggioranza repubblicana, sui presunti abusi dell'Fbi nelle indagini sul Russiagate, per danneggiare il presidente Donald Trump. E' il monito dell'ex direttore della Cia, Leon Panetta, lanciato durante un'intervista alla Nbc. L'Fbi e il dipartimento di Giustizia americano si oppongono alla sua pubblicazione perche' giudicano il rapporto non accurato. Quando l'equilibrio tra i poteri giudiziario ed esecutivo "si rompe e il presidente sostiene che pubblichera' il rapporto indipendentemente da quello che dice l'Fbi e da quello che dice il dipartimento di Giustizia, allora si crea quello che io considero una crisi costituzionale", ha dichiarato Panetta.

Tags:
russiagateusadonald trump
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.