A- A+
Esteri

Quasi la metà delle forze ribelli che combattono il regime siriano è costituita da jihadisti e gruppi estremisti. Lo rivela uno studio condotto dall'istituto britannico di difesa IHS Janes, pubblicato oggi dal Daily Telegraph.

Questa ricerca, che sarà pubblicata nella sua interezza in settimana, indica in 100.000 circa il numero complessivo dei ribelli impegnati nella guerra contro il presidente Bashar al Assad. Ma di questa galassia, che si estesa e articolata nel corso di questi due anni e mezzo di rivolta, fanno parte oltre 1.000 gruppi differenti.

Secondo gli esperti dell'IHS circa 10.000 uomini sono jihadisti combattenti in seno a gruppi legati ad Al Qaida, altri 30-35.000 sono islamici membri di gruppi estremisti, che operano solo nel conflitto siriano.

"Se gli Occidentali dovessero apparire poco interessati a far cadere Assad, gli islamisti moderati si sposteranno, molto probabilmente, verso il campo degli estremisti", mette in guardia Charles Lister, autore dello studio, confermando che "non corrisponde al vero l'idea che sono i gruppi laici a guidare l'opposizione".
 

Tags:
siriaassadal qaeda
in evidenza
Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

Stramare, nuova Diletta

Carolina, la musa del calcio
Regina della serie B in tv

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.