A- A+
Esteri
Slovacchia, Ungheria, Bulgaria. Il ritorno dei filorussi divide l'Est Europa
Vladimir Putin

La rinascita dei partiti filorussi in Ue. In Slovacchia verso il ritorno di Fico

C'era un tempo in cui i partiti filorussi in Europa non si nascondevano, anzi prosperavano e indicavano come positivo il rapporto più o meno stretto che intrattenevano con Mosca e il sistema di potere di Vladimir Putin. Più di recente, invece, è diventato molto difficile sbandierare questi rapporti. Già dopo quanto accaduto in Crimea nel 2014, ancora di più dopo l'invasione dell'Ucraina del febbraio 2022. Adesso, però, il vento sembra di nuovo (parzialmente) cambiare, almeno in alcuni paesi europei le forze politiche filorusse sembrano pronte a fare il loro rientro in scena.

In ordine di tempo, gli ultimi sviluppi in tal senso arrivano dalla Slovacchia, uno dei paesi del cosiddetto gruppo di Visegrad. Ex avamposto di politiche sovraniste e con inclinazioni filorusse, negli ultimi anni c'era stata invece una netta svolta europeista. Domenica 7 maggio, però, si è dimesso il primo ministro pro occidentale Eduard Heger. Il premier si è dimesso  due giorni dopo che il ministro degli Esteri Rastislav Káčer aveva lasciato il suo ruolo.

Dopo le dimissioni di Heger, la presidente slovacca Zuzana Čaputová ha nominato il vicegovernatore della banca centrale Ludovit Odor alla guida di un governo di tecnocrati. Ma a settembre sono già in programma le elezioni. I sondaggi mostrano che il partito filo-russo Smer-SD dell'ex premier Robert Fico è il preferito dagli elettori.

Prima dell'annuncio di Heger, Fico aveva tra l'altro dichiarato che, se eletto alla guida del prossimo governo, avrebbe posto fine alle forniture di armi della Slovacchia all'Ucraina. Un passo a dir poco rilevante e che può mettere in crisi la posizione di Bruxelles, peraltro adottato da un paese confinante con l'Ucraina. 

La linea di apertura al Cremlino di Orban

Non è certo l'unico. Un altro paese Visegrad, l'Ungheria, non ha mai partecipato agli aiuti militari per Kiev. Contrariamente alla risoluzione dell'Unione Europea di mantenere un fronte unito contro la Russia per l'invasione dell'Ucraina, il primo ministro ungherese Viktor Orban ha giurato di mantenere le relazioni con Mosca.

"Manterremo le nostre relazioni economiche con la Russia, e questo è ciò che proponiamo anche ai nostri alleati", ha dichiarato Orban durante il recente discorso annuale sullo stato della nazione. Orban ha affermato che "il governo ungherese non considera realistica l'idea che la Russia sia una minaccia per la sicurezza dell'Ungheria o dell'Europa".

Parlando della guerra, Orban ha sottolineato i rapporti dell'Ungheria con la Russia. Ha detto che anche se l'Ungheria ha fornito aiuti all'Ucraina e rifugio agli ucraini in fuga dalla guerra, ciò ''non significa interrompere i nostri rapporti con la Russia, perché ciò sarebbe contrario ai nostri interessi nazionali''. L'Ungheria dipende fortemente dalla Russia per soddisfare il proprio fabbisogno energetico.

Negli ultimi dieci anni, sotto la guida di Orban, l'Ungheria ha stretto forti legami economici e diplomatici con la Russia. Con Mosca ha anche concluso importanti accordi su petrolio, gas e combustibile nucleare. Non solo. Orban ha anche accusato a più riprese l'Unione Europea di prolungare la guerra.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
filorussislovacchiaungheria





in evidenza
Annalisa e Tananai in versione Bonnie e Clyde. Video

Arriva Storie Brevi

Annalisa e Tananai in versione Bonnie e Clyde. Video


in vetrina
Il Made in Italy protagonista a New York: al via la fiera culinaria "Fancy Food Show"

Il Made in Italy protagonista a New York: al via la fiera culinaria "Fancy Food Show"


motori
Mercedes-Benz amplia la gamma Small Van con EQT ed eCitan

Mercedes-Benz amplia la gamma Small Van con EQT ed eCitan

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.