A- A+
Esteri
Taiwan, William Lai giura come presidente. Pechino blocca il nome sui social
Lai presidente Taiwan

Il nuovo presidente di Taiwan giura e lancia un messaggio alla Cina: “Pechino rimane una minaccia”. La replica: “Segnali pericolosi”

Il nuovo presidente di Taiwan, Lai Ching-te (William Lai), ha prestato giuramento, in una cerimonia alla quale hanno partecipato decine di delegazioni straniere. Lai ha giurato nel palazzo presidenziale di Taipei, così come il nuovo vicepresidente Hsiao Bi-khim. Lai succede a Tsai Ing-wen, i cui otto anni al potere hanno visto un peggioramento delle relazioni con Pechino a causa del suo rifiuto di riconoscere il "Consenso del 1992" e "il principio della Unica Cina". La cerimonia si è tenuta nella sede dell'Ufficio presidenziale di epoca coloniale giapponese. A riportarlo è l'Ansa. Lai e la Hsiao, ex ambasciatrice de facto negli Stati Uniti, dovranno fare i conti con la crescente pressione militare cinese e un parlamento ostile. Il nuovo presidente di Taiwan terrà a breve il discorso inaugurale.

GUARDA ANCHE: A Taiwan le celebrazioni per il presidente Lai Ching-te

"Democrazia, pace e prosperità costituiscono la tabella di marcia di Taiwan e sono anche il nostro collegamento con il resto del mondo. Siamo cresciuti fino a diventare una delle democrazie più vivaci del mondo", ha detto Lai nel suo discorso d'insediamento. "Taiwan è già un faro globale e questo onore appartiene a tutto il suo popolo. Il futuro che decidiamo non è solo quello della nostra nazione, ma nel futuro del mondo", ha aggiunto riferendosi non solo alla democrazia dell'isola, ma alle sue esportazioni e all'economia globale. "Taiwan ha bisogno del mondo, proprio come il mondo ha bisogno di Taiwan". 

Lai ha aggiunto che Taiwan e Cina dovrebbero lavorare insieme "per la pace e la stabilità" nello Stretto di Taiwan. "La gente di Taiwan e della Repubblica popolare non sono subordinate tra loro", ha proseguito, chiedendo alla Cina di smettere "di minacciare politicamente" l'isola. Sui cieli di Taipei, intanto, un gruppo di tre elicotteri era impegnato nel trasporto di un'enorme bandiera di Taiwan.

"Finché la Cina si rifiuta di rinunciare all'uso della forza contro Taiwan, tutti noi a Taiwan dovremmo accettare l'esistenza delle minacce della Cina di annettere Taiwan che non scompariranno semplicemente". Ha detto ancora Lai, chiedendo a Pechino di cessare le sue azioni aggressive: "I benefici reciproci e la prospera convivenza dovrebbero essere obiettivi comuni. Spero che la Cina affronti la realtà dell'esistenza della Repubblica Cinese", ha aggiunto, con una pausa per richiamare un lungo applauso. Di fronte "alle numerose minacce e tentativi di infiltrazione dobbiamo dimostrare la determinazione nel difendere la nostra nazione e dobbiamo anche aumentare la nostra consapevolezza in materia di difesa e rafforzare il nostro quadro giuridico per la sicurezza nazionale", ha concluso il neopresidente taiwanese William Lai che ha invitato ancora la Cina a "cessare le intimidazioni politiche e militari" verso l'isola, che Pechino considera parte "inalienabile" del suo territorio".

"Vediamo che Washington e i suoi satelliti continuano ad aggravare la situazione nello Stretto di Taiwan, minano deliberatamente la stabilità e la sicurezza nella regione Asia-Pacifico e ostacolano l'unificazione pacifica della Cina": lo ha dichiarato la portavoce della diplomazia russa, Maria Zakharova, rispondendo a una domanda sul giuramento di Lai Ching-te come nuovo presidente di Taiwan. Lo si legge sul sito internet ufficiale del ministero degli Esteri russo.

La piattaforma di social media cinese Weibo, l’X mandarino- ha bloccato l’hashtag con il nome del neopresidente di Taiwan William Lai Ching-te. “Secondo le leggi, i regolamenti e le politiche pertinenti, il contenuto di questo argomento non è stato visualizzato”, ha mostrato una ricerca dell’hashtag LaiChing-te su Weibo, già da questa mattina. Non è chiaro quando l’hashtag è stato bloccato, così come è avvenuto anche per il nome della presidente uscente dell’isola, Tsai Ing-wen. Un altro hashtag, ’Taiwan 520 nuove autorità entrano in carica’, è stato rimosso. Weibo blocca spesso i temi ritenuti politicamente sensibili per evitare che diventino trend sulla piattaforma, utilizzata da centinaia di milioni di persone in Cina. Durante le elezioni presidenziali di Taiwan del 13 gennaio, ad esempio, la piattaforma bloccò un hashtag sul sondaggio dei candidati dopo che era diventato uno degli argomenti di maggiore tendenza. Ma si è parlato poco dell’insediamento di Lai nei media statali cinesi, né l’emittente Cctv né il Quotidiano del Popolo, l’organo del partito comunista, ne hanno parlato sulle loro home page a partire da questa mattina.






in evidenza
Fini-Tulliani, il matrimonio è finito: tutta colpa della casa di Montecarlo. Rumor

L'accusa di tradimento è stata la mazzata finale

Fini-Tulliani, il matrimonio è finito: tutta colpa della casa di Montecarlo. Rumor


in vetrina
Il miele italiano sta scomparendo: il clima pazzo manda in crisi le api

Il miele italiano sta scomparendo: il clima pazzo manda in crisi le api


motori
La nuova CUPRA Formentor: l’evoluzione del successo nel segmento SUV coupé

La nuova CUPRA Formentor: l’evoluzione del successo nel segmento SUV coupé

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.