A- A+
Esteri
Trump, Comey: cosa rischia il Presidente Usa e come funziona l'impeachment

Dopo la deposizione di James Comey, l'ex capo dell'FBI, al Senato, la posizione di Donald Trump si aggrava, e il cosiddetto Russiagate acquisisce tutte le carte in regola per portare all'impeachment del Presidente degli Stati Uniti d'America. Ovvero alla "messa in stato di accusa di un funzionario pubblico per gravi offese allo Stato in relazione al proprio mandato", il cui esito è la cessazione dell'incarico.

In Commissione Intelligence, James Comey, silurato da Trump ai primi di maggio mentre da direttore dell'FBI indagava sulle presunte interferenze russe nella campagna presidenziale americana, ha accusato il presidente di aver intralciato le indagini nel chiedergli di lasciar perdere l'inchiesta sull'allora consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn. Flynn si era dimesso quando la stampa americana aveva scoperto suoi incontri e telefonate con l’ambasciatore russo negli Usa, rapporti riguardo ai quali aveva mentito all’FBI e al vicepresidente Mike Pence, oltre a quelli commerciali e personali - mai dichiarati pubblicamente - con il governo russo e quello turco. 

Una serie di scatole cinesi, una più inquietante dell'altra, che mette in guai grossi Donald Trump, tanto che, se il Senato riconoscerà gli elementi per delineare il reato d'intralcio alla giustizia, il Congresso potrebbe votare l'impeachment ai suoi danni. 

Che cos'è l'impeachment - da to impeach = mettere in stato d'accusa - lo descrive con dovizia di particolari Davide Ludovisi su Wired. "Retaggio del colonialismo inglese, il concetto di impeachment venne adottato nella prima versione della Costituzione statunitense nel 1787. Il procedimento nella versione attuale prevede che la Camera dei rappresentanti (House of Representatives) possa avviare l’impeachment. Ma dev’essere poi il Senato (l’altro ramo del Congresso) ad attuarlo, con l’accordo dei due terzi dei membri presenti. Oggetto del provvedimento possono essere il presidente, il vice presidente e tutti i funzionali civili".

Essendo una procedura estrema e gravissima, specie nel momento in cui l'imputato è il Presidente ovvero il punto di riferimento di tutti gli americani residenti negli USA e nel mondo intero, il Congresso è tenuto ad adottare ogni soluzione possibile e immaginabile per scongiurarlo. Nel caso in cui si prenda la decisione epocale di procedere, occorre stilare un documento con tutti i punti a sostegno dell'ipotesi di colpevolezza del presidente. Dopodiché la Camera, scrive Ludovisi, "deve far approvare con un voto di maggioranza semplice tutti gli articoli presentati dalla commissione d’inchiesta. Nel Senato si svolge quindi il vero e proprio processo. Anche in questa fase si vota il verdetto, ovviamente. C’è bisogno dei due terzi di maggioranza dei voti dei senatori per condannare l’imputato. La pena è la rimozione dall’incarico. Non c’è appello, e in alcuni casi è prevista la futura interdizione dai pubblici uffici".

Nella storia degli Stati Uniti d'America alla messa in stato d'accusa del Presidente è stato fatto ricorso rarissimamente. Il primo imputato fu il successore di Abramo Lincoln, Andrew Johnson, nel 1865, che venne prosciolto. Poi, ovviamente, Richard Nixon dopo lo scandalo Watergate (che ricorda nel nome il Russiagate che inguaia Trump) che portò nel 1974 alle sue dimissioni, ancor prima che iniziasse la procedura di impeachment. Il sexgate invece mise a rischio la poltrona di Bill Clinton nel 1998, che (sper)giurò di non avere fatto sesso con Monica Lewinsky. Tuttavia, malgrado una campagna stampa denigratoria, i voti non bastarono a farlo cadere e addirittura fu rieletto per un secondo mandato.

Il numero di voti... sta qui l'inghippo. Al momento, ci ricorda Ludovisi, "i repubblicani controllano sia la Camera sia il Senato, quindi in teoria appoggiano il presidente. In teoria. Perché contano pure i voti della gente. Stando al sito di analisi politica FiveThirtyEight, al momento meno del 40% (il 39,7%) degli elettori sostiene Trump. Non c’è mai stato un presidente tanto impopolare, se paragoniamo lo stesso periodo con quello degli altri presidenti da Truman in poi."

L'impopolarità di Trump già alle stelle, ulteriormente affossata dalla testimonianza di Comey al Senato, potrebbe convincere l'establishment politico americano a scaricare il biondo tycoon poiché "destabilizzato" e "destabilizzante" per i già precari equilibri mondiali.

Se si dovesse votare per la destituzione di Trump, occorrerebbero però almeno due mesi per rimuoverlo dalla carica. A quel punto il potere passerebbe al vice-presidente Mike Pence. E anche qui non c'è da stare allegri: antiabortista convinto, negazionista sulla teoria del riscaldamento globale, contrario ai matrimoni gay che a suo parere costituiscono il deterioramento della famiglia e il collasso della società. 

Uno scenario per nulla roseo, comunque si metta la situazione. 

Tags:
donald trumprussiagatefbicomeyimpeachmentvladimir putinrussiausacasa bianca
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.