A- A+
Esteri
Trump in casa aveva oltre 300 documenti riservati. Il tycoon rischia grosso

Documenti sequestrati a Trump. Il tycoon: "Voglio un giudice terzo"

Negli Stati Uniti scoppia un nuovo caso Trump, strettamente legato al sequestro di documenti effettuato dall'Fbi nella casa del tycoon a Mar-a-Lago in Florida. Il New York Times, infatti, ha rivelato che l'ex presidente Usa conservava più di 300 documenti riservati nella sua residenza di Mar-a-Lago. "Gli archivi nazionali hanno trovato più di 150 documenti sensibili quando hanno ricevuto un primo lotto di materiale dall'ex presidente Trump a gennaio". La mole di documenti in possesso dell'ex presidente Usa, secondo il Nyt, "aiuta a spiegare perché il Dipartimento di Giustizia si è mosso così urgentemente per dare la caccia a qualsiasi ulteriore materiale classificato che potrebbe essere in suo possesso".

Gli avvocati di Donald Trump hanno chiesto uno “special master”, cioè un giudice terzo, non dipendente dal dipartimento Giustizia, per garantire la restituzione dei documentati sequestrati l’8 agosto dall'Fbi nel resort dell’ex presidente degli Stati Uniti, in Florida. Trump vuole anche che sia questo giudice “speciale", sia esso un avvocato o un giudice in pensione, a valutare il valore dei documenti. L’ex presidente ritiene che siano stati violati i suoi diritti costituzionali e che gli agenti avrebbero portato via materiale appartenente a lui in qualità di ex presidente. Per questo Trump ha chiesto che venga compilato un elenco preciso di tutti i documenti e elementi vari portati via dalla residenza di Mar-a-Lago.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
donald trump





in evidenza
Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

Le foto

Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
Matrimonio in vista? Quell'anello...


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


motori
Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.