A- A+
Esteri
Turchia, Gabriele Del Grande in carcere: l'Europa silenziosa teme Erdogan

ERDOGAN VINCE IL REFERENDUM IN TURCHIA: DITTATURA E DIRITTI VIOLATI

 

Dopo i risultati del referendum in Turchia, che hanno garantito al presidente turco Erdogan 'superpoteri' per gli anni a venire cancellando dal vocabolario turco  la parola democrazia, il silenzio dell'Europa è diventato assordante.

Una vittoria politica drammatica che ha spaccato il paese ormai in piena dittatura. E in questo momento così preoccupante e di palese violazione dei diritti il basso profilo tenuto dall'Europa e dall'Italia è davvero inquietante ma spiegabile solo perché gli Occidentali hanno paura di pesanti ripercussioni.

 

TURCHIA UN GRANDE CARCERE PER GIORNALISTI

 

Se non fosse per un giustificato timore i motivi per mostrare dissenso sarebbero molti: tra questi le 120000 persone attualmente in carcere, i 149 giornalisti detenuti accusati, non di crimini giornalistici, ma di atti legati al terrorismo. Accuse forti che prevedono persino l'ergastolo. Nell'elenco di abusi pure i dubbi sulla regolarità delle votazioni nel referendum.

 

IL GIORNALISTA GABRIELE DEL GRANDE ANCORA SEQUESTRATO IN CARCERE IN TURCHIA

 

E per finire, di queste due settimane, un altro smacco riguardante il nostro paese: il sequestro di stato del giornalista Gabriele Del Grande, detenuto già da giorni senza, al momento, accuse di alcun genere. 
 

Il governo turco, infischiandosene della Convenzione di Vienna del 1963,  che prevede innanzitutto diritti di assistenza diplomatica, lo ha spostato in altre località e forse solo oggi, dopo giorni di ritardo, avverrà il tanto atteso incontro con l'ambasciatore italiano.

 

GABRIELE DEL GRANDE IN CARCERE IN TURCHIA: RISCHIO DI ACCUSE PESANTI

 

Il rischio pesante che, allo scadere dei 14 giorni che obbligherebbero al rilascio in assenza di accuse, saltasse fuori qualcosa di 'costruito' inerente al terrorismo. 
Speriamo non succeda ma la detenzione di giornalisti può essere una strategia per mantenere pressione sui paesi ed evitare rimostranze sui gravi fatti che, in Turchia , stanno avvenendo.

 

TURCHIA: IL PROFILO BASSO DELL'EUROPA

 

Insomma nonostante il paese sia diviso contro questa palese dittatura nata da un voto di dubbia regolarità, nonostante la Turchia sia diventata il più grande carcere per giornalisti al mondo e pure per persone libere che dissentono, l'Occidente tiene un profilo basso.
Per prima cosa è troppo alto il rischio che il sultano turco decida di chiudere occhi e orecchie sull'accordo di contenimento dei migranti e ci inondi di sbarchi.

 

TROPPI ERRORI DELL'OCCIDENTE CON SIRIA E LIBIA

 

Secondo troppo recenti sono i danni giganteschi provocati dagli errori fatti con Saddam Hussein e Muhammad Gheddafi. Errori strategici che hanno aperto le porte al caos nei territori e al terrorismo dell'Isis. 
Erdogan è ora visto come l'unico baluardo per mantenere un certo ordine in un territorio grande come quello turco. In fondo oltre 21 milioni di turchi riconoscono Erdogan loro presidente legittimo.
Libia e Siria sono polveriere già sufficientemente preoccupanti nello scenario mondiale. Sarebbe gravissimo creare un altro fronte.

 

TURCHIA: L'EUROPA A BASSO PROFILO PER PAURA

 

Quindi, in nome della paura di ripetere tali drammatici errori, l'Europa ha scelto di tacere e passare sopra alla 'morte della democrazia' in un paese che dovrebbe entrare nel club europeo. 
Un club che si fregia essere il più liberale e democratico al mondo.

Tags:
turchiaerdogangabriele del grande
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.