A- A+
Esteri
Ucraina, code di profughi al confine da 20 km. Vittime civili: tanti bambini

Guerra Ucraina-Russia, oltre 660 mila profughi in fuga dal Paese: in maggioranza donne e bambini

Negli ultimi sei giorni sono oltre 660 mila le persone che hanno lasciato l'Ucraina, in preda alla disperazione, in cerca di un posto più sicuro per sé e per i propri cari. In maggioranza donne e bambini, interi nuclei familiari sono fuggiti verso i paesi confinanti dopo l'intervento militare russo, riporta l'Unhcr.

Shabia Mantoo, portavoce dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), durante un briefing a Ginevra ha fatto sapere che l'agenzia ha notizie di persone che aspettano oltre 60 ore per entrare in Polonia, mentre le code al confine con la Romania sono lunghe fino a 20 chilometri (traduzione di Luca Fratangelo ed editing di Francesca Piscioneri).

Ieri l’Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) Filippo Grandi annunciava l'ingresso di oltre 500 mila ucraini in Polonia e negli altri paesi vicini, come Romania, Ungheria, Moldavia e Slovacchia.

Una funzionaria dell'Unhcr, Karolina Lindholm Billing, ha fatto sapere: "C'e' stata molta attenzione su coloro che fuggono nei Paesi vicini, ma e' importante ricordare che la maggior parte delle persone colpite si trova in Ucraina. Non abbiamo ancora una cifra precisa sul numero di sfollati all'interno dell'Ucraina, ma stimiamo che si tratti di circa un milione di persone".

Intanto le autorità europee il 27 febbraio al termine di una riunione dei ministri dell’interno dell’Unione hanno paventato una direttiva di Bruxelles che se attivata, in via eccezionale e per la prima volta, garantirebbe una protezione temporanea ai profughi ucraini per tre anni. Non sarebbe, si legge su Internazionale, in questo modo necessario per loro chiedere l’asilo, ma potrebbero muoversi e lavorare senza problemi all’interno dei confini europei. La decisione del consiglio europeo è attesa per il 3 marzo. 

Ucraina, Draghi: "Grave crisi rifugiati, Italia in prima linea"

"L'Italia e' impegnata in prima linea per sostenere l'Ucraina dal punto di vista umanitario e migratorio, in stretto coordinamento con i partner europei e internazionali. La situazione umanitaria nel Paese e' sempre piu' grave". Sono le parole del presidente del Consiglio, Mario Draghi, durante le comunicazioni in Senato sugli sviluppi della crisi ucraina.

"L'Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari ha stimato in 18 milioni il numero di persone che potrebbe necessitare di aiuti umanitari nei prossimi mesi. L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) stima che gli sfollati interni potrebbero raggiungere cifre tra i 6 e i 7,5 milioni e i rifugiati fra i 3 e i 4 milioni"

(segue)

Commenti
    Tags:
    crisi ucrainaprofughi





    in evidenza
    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    La classifica comscore

    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    
    in vetrina
    Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni

    Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni


    motori
    DS Automobiles celebra 10 Anni in Italia con la serie speciale EDIT10N LIMITÉ

    DS Automobiles celebra 10 Anni in Italia con la serie speciale EDIT10N LIMITÉ

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.