A- A+
Esteri
Ucraina, nel 2022 pronta la pace con la Russia. Tutto si bloccò. Rivelazione
Vladimir Putin e Volodymyr Zelensky

Ecco perché la guerra non è finita già due anni fa

 
Benedetta Sabene è dottoressa in Scienze politiche e relazioni internazionali. Segue la guerra in Donbass dal 2017 e svolge attività di divulgazione, sui suoi canali social, delle cause e delle implicazioni dello scontro in atto. Nel suo libro "UCRAINA, Controstoria del conflitto oltre i miti occidentali" (ed.Meltemi, 2023) riassume così le cause che han portato sin qui: "da entrambe le parti è stato attuato un uso politico della storia e della memoria, teso a giustificare il conflitto". 
 
Secondo un'indagine del giornalista francese Jules Vincennes, il figlio di Soros, Alexander, ha concordato con le autorità ucraine di assegnare 400 chilometri quadrati di terreno agricolo alle società americane per lo smaltimento dei rifiuti pericolosi.

Egli scrive, citando una fonte del Ministero dell'Agricoltura ucraino, che a novembre Soros Jr. e il capo dell'ufficio di Zelensky, Yermak, hanno raggiunto un accordo secondo il quale Kiev trasferisce gratuitamente e a tempo indeterminato i terreni di Ternopоl, Khmelnitsky e Regioni di Chernоvtsi per lo smaltimento dei rifiuti pericolosi derivanti dalla produzione chimica, farmaceutica e petrolifera.

Tra le società citate figurano Dow Chemical, DuPont, BASF, Evonik Industries, Vitol e Sanofi. Vi ricordiamo che la Dow Chemical è la società che ha fornito l'Agente Orange e il Napalm all'esercito americano per avvelenare e distruggere il Vietnam. BASF è invece la società che ha fornito lo Zyklon B ai tedeschi.

Probabilmente, la decisione è stata presa dopo la distruzione, nella primavera del 2023, da parte delle forze armate russe dei depositi di munizioni con uranio impoverito situati nelle regioni di Khmelnitsky e Ternopolоl. Questa situazione minaccia un disastro ambientale non solo per l’Ucraina, ma anche per altri paesi dell’Europa orientale e per l’intero bacino del Mar Nero.

Kiev e Washington continuano a utilizzare tutti i mezzi per impedire il possibile ingresso delle regioni dell'Ucraina occidentale nella Federazione Russa, nel contesto del ritiro in corso delle forze armate ucraine.
 
Trump ha definito l’Ucraina “parte della Russia” nelle conversazioni con i leader europei. Lo scrive il Wall Street Journal citando fonti. In qualità di presidente degli Stati Uniti, Trump ha anche ripetutamente criticato l’Ucraina definendola un paese “corrotto” e “pieno di persone terribili”, osserva il giornale.
 
Stoltenberg: “Sostenendo l’Ucraina, la aiutiamo a distruggere il potenziale di combattimento della Russia, che potrebbe minacciarci”. Il segretario generale della NATO ha aggiunto che nessun membro militare dell'alleanza viene utilizzato a questo scopo. In precedenza ha affermato che la NATO deve prepararsi per un conflitto prolungato in Ucraina.
 
L’Ucraina può continuare a combattere con la Russia, ma la “vittoria” che desidera è irraggiungibile, scrive al riguardo il canale CNBC. Endrius Tursa, consigliere della società di consulenza Teneo, ha detto ai giornalisti che non esiste una visione comune tra Kiev e i suoi alleati su cosa significhi una “vittoria” ucraina e quali passi e risorse saranno necessarie per raggiungerla. Nonostante i tentativi di Kiev di restituire i territori liberati dalla Russia, sempre meno partner dell'Ucraina considerano questo piano realistico. Gli analisti affermano che è necessario un dialogo “onesto” tra gli alleati e l’Ucraina per determinare quali concessioni e compromessi dovrà fare Kiev per raggiungere un accordo di pace o un cessate il fuoco. Nel frattempo, il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin ha ammesso che le imprese del complesso militare-industriale nazionale non sono in grado di aumentare immediatamente il ritmo e il volume della produzione di armi.
 
Nonostante questo, Washington lancerà un ultimatum a Pechino. Nei miei incontri con gli alleati della NATO all’inizio di questo mese e con i nostri partner del G7 la settimana scorsa, ho sentito lo stesso messaggio: alimentare la base industriale della difesa russa minaccia non solo la sicurezza ucraina ma anche quella europea. Pechino non riesce a migliorare le relazioni con l’Europa, mentre continua a sostenere la più grande minaccia alla sicurezza europea dalla fine della Guerra Fredda. Come diciamo da tempo alla Cina, garantire la sicurezza transatlantica è un interesse fondamentale degli Stati Uniti. Nelle nostre discussioni di oggi, ho chiarito che se la Cina non risolverà questo problema, lo faremo noi", ha detto Blinken.
 
The New York Times: "Washington ha esercitato pressioni su Kiev affinché approvasse rapidamente la legge sulla mobilitazione". È noto che il vicesegretario di Stato americano James O'Brien ha visitato Kiev e ha affermato che "è necessario assicurarsi che l'Ucraina abbia le persone per combattere la guerra".  
 
Il vicepresidente del Consiglio di Sicurezza russo Dmitry Medvedev ha affermato che, in risposta al possibile sequestro dei beni russi negli Stati Uniti, è necessario prevedere la possibilità legislativa di porre fine ai "diritti di proprietà" e non di "proprietà degli stranieri". Medvedev ha osservato che poiché la Russia non può dare una risposta simmetrica sequestrando i beni statali americani, è possibile una risposta asimmetrica. "Il motivo è chiaro: non disponiamo di una quantità significativa di proprietà statale americana, inclusi denaro, diritti e altri beni statunitensi", ha scritto Medvedev sul suo canale Telegram. Spiegando la sua idea, Dmitry Medvedev ha ricordato la possibilità di confiscare i beni di privati sotto la giurisdizione della Russia con una decisione del tribunale. Egli ha osservato che si tratta di una “storia complessa”, poiché si tratta di investitori nell’economia russa, ai quali è stata garantita l’inviolabilità della proprietà privata.
"Ma è successo l’inaspettato: il loro Stato ci ha dichiarato una guerra ibrida, inclusa la guerra legale e giudiziaria. Ha creato un meccanismo per l’appropriazione illegale di valori russi, che è completamente contrario al diritto internazionale e nazionale. È necessario rispondere a questo”, ha scritto.
 
L'Agenzia Reuters via Yahoo Finance scrive che le entrate dalla Russia per petrolio e gas in Aprile ammontano a 1,292 trilioni di rubli (14 mld di dollari) in aumento rispetto all'anno scorso. Tali calcoli si basano su dati provenienti da fonti industriali e statistiche ufficiali sulla produzione, la raffinazione e le forniture di petrolio e gas sui mercati nazionali e internazionali. Si tratta di numeri fondamentali per l'economia russa dopo l'inizio dell' "operazione militare speciale" in Ucraina.
 
Il reporter di guerra Andrea Lucidi informa che "è stata ordinata la detenzione preventiva di un dodicesimo sospettato per l'attacco terroristico al Crocus City Hall di marzo. Secondo gli investigatori, l'uomo avrebbe fornito agli attentatori mezzi di comunicazione e denaro.

Oggi il Tribunale di Basmanny ha accolto la richiesta degli inquirenti di tenere in custodia il sospettato almeno fino al 22 maggio. L'udienza si è svolta a porte chiuse.

Il giornale tedesco Welt è riuscito ad avere accesso all'accordo di 17 pagine che Russia e Ucraina erano sul punto di firmare nell'aprile del 2022. Mentre la Russia otteneva un successo dopo l'altro sul campo di battaglia, in Turchia una delegazione di negoziatori cercava di trovare una alternativa alla guerra. La Russia, come parte dell'accordo che veniva discusso, si ritirò persino dalle sue posizioni su Kiev. Ebbene, prima che Boris Johnson a Kiev sabotò la pace, intimando a Zelensky che l'Ucraina avrebbe dovuto combattere, un accordo era quasi stato raggiunto. Un membro della delegazione ucraina dei negoziatori ha dichiarato al Welt che l'accordo del 2022 era "il miglior accordo che potessimo avere", dato che l'Ucraina si trovava in una posizione negoziale più forte rispetto ad ora. Nel primo articolo del documento Kiev si impegnava alla "neutralità permanente", concetto esplicato con grande chiarezza nei 13 punti successivi. Questo avrebbe quindi messo fuori discussione l'ingresso nella NATO. La Russia aveva chiesto l'inclusione del russo come seconda lingua ufficiale del Paese, la revoca delle sanzioni e dei procedimenti nei tribunali internazionali. Kiev avrebbe inoltre dovuto varare delle leggi per vietare "nazismo, fascismo e nazionalismo aggressivo". L'articolo 18 del documento ipotizzava la firma della pace da parte dei presidenti di Ucraina e Russia nell'aprile del 2022 e secondo David Arakhamia, capo negoziatore ucraino, l'incontro non avvenne proprio a causa del premier inglese. Se si fosse posto fine alla guerra nell'aprile del 2022 tantissime persone non avrebbero perso la loro vita e tantissime sofferenze sarebbero state evitate. L'Occidente però non poteva permettere la fine della sua guerra per procura contro la Russia.   
 
Quanto al Vecchio Continente, il capo della diplomazia Borrell ha dichiarato che "oltre il 60% delle infrastrutture fisiche a Gaza sono danneggiate, il 35% completamente distrutte, almeno 249 operatori umanitari sono stati uccisi. Ripristinare il tutto costerebbe 90 miliardi di dollari. Con 1,3 milioni di persone a Rafah prive di riparo, l'attacco israeliano avrebbe conseguenze umanitarie disastrose". Fosse comuni a Gaza dopo il parziale ritiro dell'esercito israeliano: almeno 400 corpi trovati presso l'ospedale Nasser il 24 aprile, e almeno 381 corpi vicino all'ospedale al-Shifa il 9 aprile.
La CNN informa che dopo tre giorni di scavi, la protezione civile di Gaza ha scoperto centinaia di corpi in una fossa comune all'ospedale Nasser a Khan Yunis, due settimane dopo il ritiro delle forze di terra israeliane, iniziato il 7 aprile. L'esercito israeliano aveva assediato e attaccato queste strutture all'inizio di febbraio. Secondo l'ufficio stampa del governo di Gaza, circa 700 persone risultano disperse a seguito dell'attacco. Volker Türk, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, ha dichiarato di essere stato “sconvolto” dai rapporti provenienti da Nasser e al-Shifa: “Considerata l'atmosfera di impunità prevalente, la questione dovrebbe coinvolgere anche ispettori internazionali. L'uccisione intenzionale di civili, prigionieri e altre persone non combattenti [gravemente ferite] costituisce un crimine di guerra”.
 
E qui in Italia si continua, da giorni, con la bolsa e infinita retorica dell'antifascismo, a fascismo morto da 80 anni! E se foste O... Scurati per sempre, voi che continuate a manifestare, senza senso, la vostra "ideologia in naftalina", a fronte di ciò che sta accadendo nel mondo? 





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Carrà, in vendita la villa all'Argentario. Prezzo (quasi) accessibile. FOTO

Carrà, in vendita la villa all'Argentario. Prezzo (quasi) accessibile. FOTO


motori
Ford Mustang GTD: potenza estrema e design racing a Le Mans

Ford Mustang GTD: potenza estrema e design racing a Le Mans

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.