A- A+
Esteri
Ucraina: non poteva mancare Greta Thunberg (visibilmente imbolsita e con occhietto alla Psyco)
Ucraina, non poteva mancare... Greta Thunberg (foto Lapresse)

Ucraina: non poteva mancare Greta Thunberg, visibilmente imbolsita

Lo scorso 29 giugno il faccione inquietante di Greta Thunberg è riapparso dal nulla insieme a quello di Zelensky. Sinceramente il mondo si chiedeva angosciato dove fosse finita l’ex ragazzina – ora visibilmente imbolsita - che ha costruito una fortuna sua e della sua famiglia su un ecologismo radical –chic di maniera, incentrato su un tema trito e ritrito che però fa sempre audience: la lotta ai cambiamenti climatici, tema che in realtà è stato solo un pretesto per rifilare nuovi prodotti ecologici come auto elettriche e similari ai consumatori più sprovveduti.

Così non deve meravigliare che una opportunista come Greta non si sia fatta sfuggire l’occasione di comparire insieme al presidente ucraino, altro esperto della comunicazione. Ormai però il “prodotto Greta” non tira più, è merce usurata a causa del fatto che è stata dappertutto ed ha fatto foto e convegni con tutti. Una Greta non si nega a nessuno.

Non c’è stato potente o anche solo ministro che non abbia cercato di ghermirla per il suo impatto mondiale sulla popolazione beona che segue fanaticamente una ragazzina senza alcuna conoscenza scientifica ma che pontifica su temi assai complessi, come le equazioni differenziali non lineari che governano i fenomeni di fisica dell’atmosfera. Anzi, si potrebbe dire che il successo che ha avuto Greta Thunberg è il segno del degrado dei tempi in cui ci troviamo.

Come ha detto Franco Prodi, meteorologo e fisico di fama internazionale, si dà più ascolto ad una ragazzina invasata che agli scienziati. È uno degli effetti del “Mondo alla rovescia” che ormai ci domina e in cui ogni cosa sembra essere ormai diventata l’opposto. Così, la presenza a Kiev di Greta non è certo un evento non previsto o non prevedibile; anzi, c’è da chiedersi come mai i due abbiano aspettato così tanto tempo a sbaciucchiarsi un po’ a favore di telecamere.

Era presente anche un fantomatico “gruppo di lavoro internazionale sui crimini ambientali fatti dalla Russia nel corso della guerra”. Un gruppo in verità assai bolso e sfiatato: presenti Margot Wallström, ex vice primo ministro e ex ministro degli affari esteri della Svezia, Heidi Hautala, vicepresidente del Parlamento europeo, Mary Robinson, ex presidente dell’Irlanda dal 1990 al 1997”. Insomma tutti “ex” che non contano più un fico secco, semmai abbiano contato qualcosa una volta. Il tutto lo si può leggere direttamente nel canale di Zelensky su Telegram. Il punto forte era naturalmente centrato sulle conseguenze dell’attacco russo alla centrale idroelettrica di Kakhovskaya che con i cambiamenti c’entrano come Topolino a Paperopoli.

Greta Thunberg, occhietto lampeggiante alla Psycho

Nonostante questo il premier ucraino ha dichiarato: “Sono profondamente grato per il sostegno che abbiamo ricevuto e per l’assunzione di una posizione inequivocabile: chiunque commetta azioni contro le persone, la natura e la vita stessa deve essere ritenuto responsabile. Ogni vita distrutta, ogni destino infranto, ogni danno inflitto all’ambiente, alle città e ai villaggi a causa di questo ecocidio è imputabile direttamente allo stato russo”, ha dichiarato Zelensky”.

Nel frattempo Greta attivava l’occhietto lampeggiante alla Psycho, si nascondeva dietro ad una tenda e lentamente estraeva il suo coltellaccio da cucina da viaggio, il tutto condito dal suo famoso sorriso da film horror estivo di terza serie.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
gretagreta thumbergguerra russia ucrainaucraina





in evidenza
Francesca Pascale e Paola Turci divorziano: dopo due anni sciolta l'unione civile

Francesca Pascale e Paola Turci divorziano: dopo due anni sciolta l'unione civile


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.