A- A+
Esteri
Morire per gli ucraini? "No, grazie". Gli Usa avvertono Kiev: stop escalation
Zelensky (Lapresse)

Zelensky si è dimostrato finora un pericoloso attore, pronto a trascinare il mondo verso una terza Guerra Mondiale

 

Un missile è veramente partito dalla costa orientale degli Stati Uniti, ma fortunatamente non era equipaggiato con una testata nucleare strategica ma con una ogiva di buon senso. Un “pizzino” scritto dal presidente Biden e dal Pentagono e indirizzato dal “New York Times” direttamente a Zelensky a Kiev.

Infatti nell’articolo in prima pagina del prestigioso quotidiano Usa è scritto chiaro e tondo che gli americani non c’entrano nulla con l’omicidio della figlia di Dugin, l’ideologo di Putin, avvenuto il 20 agosto scorso a Mosca.

I servizi segreti Usa sospettano apertamente che dietro il misfatto ci siano stati i servizi segreti ucraini e nell’articolo si legge che se lo avessero saputo avrebbero cercato di impedirne l’attuazione.

Il quotidiano dell’East Coast “afferma che settori del governo Usa manifestarono la propria irritazione per l’avventurismo di operazioni coperte”, presumibilmente si tratta di settori di altissimo livello e quindi appunto il Presidente e/o il Pentagono.

La mossa è stata molto pericolosa perché ha dato la possibilità ai russi di reagire con altrettanti “omicidi eccellenti”.

Come al solito gli ucraini si sono difesi con Mykhailo Podolyak, consigliere personale del comico al governo che ha dichiarato: "Lo sottolineo ancora una volta: qualsiasi assassinio in tempo di guerra nel nostro Paese o in un altro deve avere una giustificazione concreta. Deve soddisfare uno scopo preciso, tattico o strategico. Una persona come Darya Dugina non rappresentava per l’Ucraina né un obiettivo tattico, né strategico".

In ogni caso l’avvertimento di Washington a Kiev è arrivato forte e chiaro: basta con l’escalation del conflitto voluto dall’Ucraina.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ucraina usa





in evidenza
Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

Le foto

Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
Matrimonio in vista? Quell'anello...


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


motori
Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.