A- A+
Esteri
Usa, a giugno un mercato del lavoro forte ma in leggero rallentamento.
Joe Biden, presidente degli Stati Uniti

Usa, mercato del lavoro forte ma in lieve rallentamento a giugno

Per la prima volta dopo sette mesi di crescita il mercato del lavoro americano si prende uno stop e rallenta. A giugno infatti i posti di lavoro negli Stati Uniti, secondo i dati annunciati dall’Ufficio Federale di Statistica, sono calati allo 5,4% . Le domande di impiego sono scese dagli oltre 11 milioni di giugno a circa 10,5 milioni. Il tasso di disoccupazione è rimasto comunque stabile, ad un invidiabile 3,6%. Nonostante ciò la cifra di posti liberi del mese di giugno ( comunque alta) ha fatto registrare la più grande diminuzione mensile da venti anni a questa parte. I cali maggiori si sono registrati nel settore del “retail”, dove si è registrato un critico aumento di scorte da parte delle imprese, nel settore del tempo libero e in quello della ristorazione, colpito pesantemente dalla mancanza di posti di lavoro nel post pandemia.

Usa, un mercato del lavoro rallentato ma ancora forte e molto vivace 

In ogni caso il mercato del lavoro americano è, in termini assoluti, ancora molto forte. A giugno si sono registrate ben il doppio delle opportunità di lavoro con salari in crescita ed aumento degli incentivi per attrarre il personale. I licenziamenti sono al minimo storico con un mercato del lavoro agile e vivace. Così come in altri paesi del mondo gli imprenditori americani, dopo la pandemia (ultimi 18 mesi) si sono dovuti confrontare con una forte carenza di manodopera. I lavoratori, aiutati dalla forte ripresa (il PIL è cresciuto del 6% nel 2021) nello scorso anno approfittano del momento per ottenere condizioni salariali o orarie migliori, oltre a vantaggi di tipo sanitario o pensionistico.

Usa, nel mercato la "Great Resignation"

Questa situazione “anomala” tra domanda e offerta è la vera causa della cosiddetta” Great Resignation”, con 4,2 milioni di lavoratori che annodato le dimissioni. Per contro il numero dei licenziamenti, 1,3 milioni a giugno, è molto basso, soprattutto se confrontato con l’inizio della pandemia. Con l'inflazione ai massimi storici (9,1% a giugno),il rallentamento del mercato del lavoro sarebbe preoccupante. Secondo gli analisti, i dati sull'occupazione di luglio, dovrebbero presentare un mercato più tranquillo e stabile rispetto ai mesi precedenti,con una sproporzione tra domanda ed offerta.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    lavorolicenziamentipandemiausa





    in evidenza
    Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

    Ultimi scatti prima dello schianto

    Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

    
    in vetrina
    Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire

    Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire


    motori
    Škoda nuova Octavia: nuovo design, tecnologia AI e motori efficienti

    Škoda nuova Octavia: nuovo design, tecnologia AI e motori efficienti

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.