A- A+
Esteri
Usa, i familiari delle vittime di Orlando fanno causa ai social network

I familiari di 3 delle 49 vittime dell'attentato dello scorso 12 giugno nel locale gay di Orlando, in Florida, hanno citato in giudizio Twitter, Facebook e Google per aver fornito "supporto materiale" all'Isis contribuendo a radicalizzare l'attentatore, il 29enne Omar Mateen. Lo riporta Fox News precisando che il procedimento civile e' stato avviato in Michigan.

I familiari di Tevin Crosby, Javier Jorge-Reyes e Juan Ramon Guerrero sostengono che le piattaforme web dei tre social media hanno fornito all'Isis "account tramite i quali diffondere propaganda estremista, raccogliere fondi e fare nuovi reclutamenti". Senza Twitter, Facebook e Google (You Tube), "l'esplosiva crescita dell'Isis, divenuto negli ultimi anni il gruppo terroristico piu' temuto al mondo, non sarebbe stata possibile", si legge nella motivazione della denuncia, come riportato da Fox.

Secondo gli esperti, se questa causa senza precedenti avesse successo rivoluzionerebbe il mondo dei social media. Fino ad ora, osserva Fox News, i tribunali sono stati riluttanti a considerare i 'social' responsabili per i contenuti pubblicati.

"Il cuore" dell'azione legale si fonderebbe su una clausola del Communications Decency Act (Cda) del 1996 che fino ad oggi ha protetto i social media, rispetto alla responsabilita' per contenuti postati, ma che potrebbe essere impugnata per violazioni collegate alla possibilita', con complicati algoritmi, di pubblicare pubblicita' tarate sugli utenti e quindi, nel caso specifico, condividendo con l'Isis gli introiti pubblicitari, contribuendo a finanziarne l'attivita'.

Tags:
familiari vittime orlando social network isis
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
CUPRA Born,ordinabile in Italia

CUPRA Born,ordinabile in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.