A- A+
Esteri
Usa, la Corte Suprema blocca l’obbligo di vaccinazione nelle aziende
Joe Biden (Lapresse)

La Corte Suprema blocca l'obbligo di vaccinazione  nelle aziende con oltre 100 dipendenti

Stop a Joe Biden dalla Corte Suprema degli Stati Uniti. Il più alto organismo giudiziario americano ha decretato un no secco al piano dell'amministrazione democratica che aveva chiesto l’obbligo di vaccinazione contro il Covid-19 a tutti i dipendenti delle grandi aziende. La Corte, a maggioranza conservatrice, ha stabilito che il Governo è andato oltre i propri limiti. Unica eccezione al vaccino obbligatorio, in via eccezionale, riguarda i dipendenti dei centri sanitari che ricevono fondi pubblici. Il requisito, ormai bloccato, era rivolto alle aziende con più di 100 dipendenti. I dipendenti di questo comparto (circa 84 milioni) avrebbero dovuto vaccinarsi obbligatoriamente o, in alternativa, fare test settimanali.

La maggioranza conservatrice della Corte Suprema ferma la legge proposta da Biden

L'Occupational Safety and Health Administration aveva previsto sanzioni fino a 14.000 dollari per le aziende che non avessero rispettato l'ordine, con le uniche eccezioni dei lavoratori con motivazioni mediche o religiose. La misura sarebbe dovuta entrare in vigore il 4 gennaio, ma alcuni stati repubblicani guidati dall'Ohio e un gruppo imprenditoriale hanno presentato ricorso. "Consentire all'OSHA di regolamentare i rischi della vita quotidiana, semplicemente perché la maggior parte degli americani ha un lavoro e affronta gli stessi rischi sul lavoro, amplierebbe notevolmente l'autorità di regolamentazione dell'OSHA senza una chiara autorizzazione da parte del Congresso", ha motivato il proprio verdetto la Corte Suprema.

La Corte Suprema lascia solo l'obbligo per i lavoratori dei centri di salute pubblica

I tre giudici progressisti Elena Kagan,Sonia Sotomayor e Stephen Breyer, hanno dissentito con il giudizio espresso dalla maggioranza della Corte Suprema. I sei conservatori, espressione della maggioranza, hanno bloccato la legge. Il presidente della Corte Suprema John Roberts e Brett Kavanaugh, entrambi conservatori, si sono invece uniti ai progressisti nel salvare la parte del piano del governo che include i lavoratori dei centri che ricevono fondi da programmi di salute pubblica come Medicare (pensionati) o Medicaid (per persone svantaggiate). Biden, da quando è presidente, ha cercato di convincere gli americani indecisi alla vaccinazione.  Tra le persone di età superiore ai 12 anni, c'è ancora il 28% della popolazione che non è completamente vaccinata e il 15% non ha nemmeno ricevuto la seconda dose. Nel frattempo, la variante Omicron, così come in grande parte del mondo, si è diffusa negli Stati Uniti mettendo a dura prova il sistema sanitario nel suo complesso e gran parte dell’attiìvità economica.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    corte supremajoe bidenusavaccinazione
    in evidenza
    Hunziker-Trussardi: è finita “Dopo 10 anni ci separiamo”

    Spettacoli

    Hunziker-Trussardi: è finita
    “Dopo 10 anni ci separiamo”

    i più visti
    in vetrina
    Belen e Stefano insieme dopo la rottura con Antonino: è ufficiale

    Belen e Stefano insieme dopo la rottura con Antonino: è ufficiale


    casa, immobiliare
    motori
    DS Automobiles rinnova la sua partnership con la Fashion Week di Parigi

    DS Automobiles rinnova la sua partnership con la Fashion Week di Parigi


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.