A- A+
Esteri
Trump: email Hillary Clinton spiate dai cinesi. A Google & co: "State attenti"

Prosegue la polemica tra Donald Trump e Google. Per il presidente Usa, il motore di ricerca e altri giganti tecnologici come Facebook e Twitter stanno procedendo su un terreno pericoloso e devono stare "attenti".

Usa, Trump: email di Hillary Clinton spiate dai cinesi

"Le email di Hillary Clinton, molte delle quali costituiscono Informazioni Riservate, sono state hackerate dalla Cina". E' quanto scrive in un post su Twitter il presidente americano Donald Trump commentando la notizia, rivelata ieri dalla Daily Caller News Foundation, secondo la quale una società cinese controllata dal governo di Pechino avrebbe violato il server di posta presente nell'abitazione privata di Hillary Clinton, ai tempi in cui era segretario di Stato Usa, grazie a un codice che provvedeva a ritrasmettere agli hacker in tempo reale una copia di tutti i messaggi.

"La prossima mossa è meglio che sia dell'Fbi e del DOJ (Department of JUstice, ndr) o, dopo tutti i loro altri passi falsi (Comey, McCabe, Strzok, Page, Ohr, FISA, Dirty Dossier etc.), la loro credibilità sarà persa per sempre!", scrive il tycoon. La vicenda, secondo il service giornalistico vicino al Partito Repubblicano, sarebbe emersa in una audizione dello scorso luglio della Commissione giudiziaria della Camera Usa. In particolare, hanno rivelato fonti informate al Daily Caller, già a inizio 2015 il problema era a conoscenza dell'Intelligence Community Inspector General, uno degli organismi chiave del controspionaggio Usa, che avrebbe segnalato "l'anomalia" all'Fbi, che però non sarebbe intervenuta.

Da parte dell'entourage di Clinton tuttavia si ricorda come l'Fbi nonostante "migliaia di ore di indagini" non abbia trovato prove di una "intrusione" nei server della abitazione privata di Hillary Clinton a New York. Ma secondo un esperto di cyber-sicurezza citato dal Daily Caller "un quattordicenne avrebbe potuto entrare nel server senza quasi lasciare traccia: una qualsiasi organizzazione sofisticata sarebbe potuta entrare e quindi ripulire le tracce" della propria intrusione.

Commenti
    Tags:
    trumptrump hillary clintontrump google
    in evidenza
    La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

    Guarda la gallery

    La confessione di Francesca Neri
    "Sono una traditrice seriale"

    i più visti
    in vetrina
    Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

    Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

    Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.