A- A+
Esteri
Venezuela, prime crepe nell'esercito contro Maduro
Nicolas Maduro (Lapresse)

Venezuela, prime crepe nell'esercito contro Maduro

In Venezuela forse comincia ad aprirsi qualche crepa nell’esercito da sempre fedelissimo al regime di Maduro. “La diagnosi della situazione e delle condizioni del Paese e della sua gente e di cui sono sicuramente le azioni da intraprendere per recuperare Repubblica, democrazia e libertà, che altro non sono che per arrivare alla cessazione dell'usurpazione. del regime esteso (RA) e dei suoi alleati criminali come FARC, ELN, bande criminali armate, ecc., oltre a neutralizzare gli aiuti in risorse provenienti da Cina, Russia e Iran. La RA, qualunque cosa dica, è disposta a rimanere al potere per sempre, a qualunque costo ”. Lo afferma il tenente di fregata Diego Armando Comisso Urdaneta, aviatore di elicotteri della marina e ufficiale in pensione delle forze armate venezuelane, che propone di “rovesciare definitivamente questo regime criminale insieme ai suoi nuovi alleati della presunta 'opposizione', che io chiamo Regime Esteso (RA) ”.

È convinto che “sia giunto il momento per una resistenza professionale di rovesciare qualunque regime illegittimo e illegale sia al potere in Venezuela, cioè qualsiasi governo che derivi da un Consiglio Elettorale Nazionale (CNE), un'Assemblea Nazionale (AN), un Corte Suprema di Giustizia (TSJ) e un ramo esecutivo illegittimo, inclusi anche tutti quei politici che hanno aderito al regime criminale e che intendono continuare a usurpare quello che dovrebbe essere un governo in libertà, legale, legittimo e democratico in Venezuela ”.

A suo avviso la RA “con le sue azioni, rivendicazioni e minacce, potremmo considerare che ci ha dato un ultimatum, con il quale dobbiamo e necessitiamo la ricostruzione e formazione di una Resistenza Professionale (PR), una struttura e un'organizzazione fatta di risorse interne e con una visione studiata e chiara, missione e obiettivi metodicamente analizzati, al fine di fermare l'usurpazione di questo regime criminale nella sua interezza, con zero impunità e creare uno scudo costituzionale e legale in modo che qualcosa di uguale o uguale non si ripete mai, simile in Venezuela ”. Quella che Comisso Urdaneta propone nello specifico è “una resistenza civile affinché il sovrano possa lottare per i suoi diritti, libertà e giustizia senza usare la violenza, anche se bisogna essere preparati e addestrati ad usarla se necessario. Per questo, verrebbero utilizzate le diverse tattiche: scioperi, privazione di azioni e relazioni, manifestazioni di massa e tutte quelle azioni per provocare cambiamenti sociali, politici ed economici ”.Comisso spiega che l'unità si sviluppa attraverso la mobilitazione di vari settori della società, “che inizialmente possono avere rimostranze molto diverse intorno agli obiettivi raggiungibili. La pianificazione consiste nel mettere le campagne e le tattiche in una sequenza strategica basata su un'attenta analisi delle condizioni e delle opportunità di azione, compresa l'anticipazione di possibili battute d'arresto e la progettazione di piani di emergenza per loro. La disciplina non violenta implica un impegno strategico a utilizzare solo tattiche non violente ”.

Questo fatto, che rappresenta come anche il fronte dell’esercito cominci a mostrare segnali di insofferenza verso il regime di Maduro, segue di pochi giorni il clamoroso, per certi versi, gesto del principale esponente dell’opposizione al regime Juan Guaido, tramite Twitter. Il leader dell'opposizione, infatti, ha diffuso un video che invitava a colloqui con il governo del presidente Nicolas Maduro alla ricerca di un "accordo di salvezza nazionale", sotto gli auspici internazionali. Guaido, che è stato riconosciuto come legittimo presidente ad interim del Venezuela da dozzine di paesi nel 2019, ha parlato dell'urgenza di affrontare la grave crisi umanitaria del paese e della necessità di "raggiungere un accordo per salvare il Venezuela". Maduro lo ha preso in giro. “Adesso Guaido vuole sedersi con me per parlare. ... Ha ricevuto ordini dal Nord? " ha dichiarato, riferendosi agli Stati Uniti, prima di aggiungere: "È finita, Guaido, tu sei solo un altro leader dell'opposizione. Non sei presidente. Devi parlare con Maduro. " Ma poi ha accettato: "Quando vuoi, come vuoi, dove vuoi, incontrerò tutta l'opposizione". Nonostante gli ampi motivi di scetticismo, i segnali provenienti da Caracas sono stati forti e, di fatto, significativi. La mossa più importante è stata la nomina di una nuova Commissione elettorale nazionale, o CNE, da parte dell'Assemblea nazionale controllata da Maduro. Il CNE organizza le elezioni e fino ad ora è stato manovrato dal regime. I nuovi membri includono tre sostenitori del regime, ma anche due membri dell'opposizione. L'ex candidato presidenziale dell'opposizione Henrique Capriles lo ha definito il CNE "meno cattivo" in 22 anni.

Poi ci sono stati i segnali a Washington, tra cui il rilascio agli arresti domiciliari dei “Citgo Six”, dirigenti della compagnia petrolifera in carcere dal 2017, dopo essere stati condannati per corruzione. La mossa è stata ampiamente interpretata come un ramoscello d'ulivo per l'amministrazione Biden, o almeno una sonda esplorativa. Finora, non vi è alcun segno che Washington allevierà le sanzioni senza grandi cambiamenti a Caracas, compresi i passi verso libere elezioni. In tal senso, l'accordo di parlare con Guaido, nonostante gli aspri scambi sui social media, è stato rapidamente accolto dall'amministrazione Biden. Il capo ad interim del Dipartimento di Stato per l'America Latina, Julie Chung, ha twittato: "L'unica soluzione a questa crisi è un accordo globale che porti a un risultato democratico".

È difficile immaginare che Maduro accetterà  un piano che potrebbe segnare la fine della sua presidenza. Ha mostrato già a Dicembre di essere ben fermo nella sua decisione di proseguire nella sua avventura. Prima delle elezioni, che molti osservatori hanno definito come una farsa, Maduro, ha contribuito in maniera costante ad intimidire ed indebolire in ogni modo l’opposizione al suo regime. Poi ha proseguito nella suia politica di lotta contro ogni forma di dissenso, con arresti ed accuse contro tutti coloro che non volevano conformarsi al suo credo e al suo modo di agire. “Ogni sforzo per ripristinare la democrazia, compreso quello guidato da Guaidò con il sostegno dell'amministrazione Trump, è fallito. La posizione di Maduro sembra inespugnabile. Eppure, la situazione economica, di sicurezza e di salute pubblica del Paese rimane catastrofica. Le condizioni umanitarie non hanno convinto Maduro a scendere a compromessi prima. È cambiato? O il cambiamento di tono derivante dalla nuova amministrazione presidenziale degli Stati Uniti ha ammorbidito il suo approccio?” si chiede la celebre analista politica della Cnn, Frida Ghitis. Insomma forse qualcosa comincia a muoversi anche nel rigido regime venezuelano, che deve fare i conti con una situazione epidemiologica assai complicata ed una situazione economica al collasso. A tutto ciò bisogna aggiungere anche le crescenti tensioni sorte tra forze militari venezuelane e colombiane, per questioni legate a presunti terroristi delle Farc, difesi da Maduro, che hanno registrato l’uccisione di 16 soldati venezuelani, cosa che sicuramente ha contribuito a creare tensione nelle file dell’esercito di Maduro.

 

Commenti
    Tags:
    venezuelavenezuela maduromaduromaduro venezuela
    Loading...
    in evidenza
    Ronaldo addio, CR7 in quota Psg Tonali-Milan: arriva la Juventus

    Calciomercato news

    Ronaldo addio, CR7 in quota Psg
    Tonali-Milan: arriva la Juventus

    i più visti
    in vetrina
    Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...

    Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...


    casa, immobiliare
    motori
    Jeep Gladiator: il pick-up da off-road

    Jeep Gladiator: il pick-up da off-road


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.