A- A+
Esteri
Zimbabwe: tank nelle strade, arrestato Mugabe

E' caos totale nello Zimbabwe, dove l'esercito ha arrestato Robert Mugabe e 3 ministri accusati di spingere la moglie del 93enne presidente Grace Mugabe a prendere la guida del Paese. Zanu-Pf, il partito del presidente, ha smentito che nel Paese sia in atto un golpe e ha assicurato che Mugabe e' "al sicuro". Ma ha comunicato che Mugabe e' agli arresti, come confermato dallo stesso presidente al collega sudafricano Jacob Zuma. "Oggi ha inizio una nuova era", si legge sull'account Twitter del partito, in cui si avverte che "Emerson Mnangagwa ci aiutera' ad avere un Paese migliore". Mnangagwa e' il vicepresidente rimosso dal suo incarico la scorsa settimana. "Sara' il presidente dello Zanu-Pf", si legge nei Tweet del partito che avverte: "Ne' lo Zimbabwe ne' lo Zanu sono di Mugabe e di sua moglie". Dichiarazioni diffuse dopo che almeno tre esplosioni sono state udite nella capitale Harare, mentre, secondo la Bbc, i militari hanno preso il controllo della tv statale Zbc. Il governo ha accusato il capo delle forze armate di tradimento. I militari hanno letto in diretta tv un comunicato. "Non e' una presa di potere dell'esercito sul governo", ha detto un generale leggendo la dichiarazione. "Vogliamo assicurare che sua eccellenza il presidente...e la sua famiglia siano al sicuro e che la sua sicurezza sia garantita", ha aggiunto, sostenendo che i militari stanno dando la caccia "ai criminali" che circondano il presidente. Successivamente, veicoli militari hanno bloccato una strada intorno alla sede del parlamento. La France Press ha potuto constatare che alcune automobili sono state portate da militari vicino al parlamento, mentre altri veicoli militari sono stati parcheggiati davanti agli uffici del partito di Mugabe.

Anche il presidente sudafricano Jacob Zuma ha riferito di aver parlato al telefono con Mugabe, che gli ha assicurato di star bene, ma allo stesso tempo gli ha confermato di essere "confinato" in casa. Secondo il Tweet di Zanu-Pf, anche Grace Mugabe e' stata arrestata. Ma piu' tardi Eddie Cross, deputato del partito di opposizione Movimento per il cambiamento democratico (MDC), ha detto alla Bbc che l'esercito nella notte le ha consentito di lasciare il Paese e che la first lady potrebbe essere fuggita in Namibia. La Farnesina ha esortato gli italiani alla massima cautela. L'ambasciata americana a Harare rimarra' chiusa oggi ed ha invitato i cittadini statunitensi a "mettersi al sicuro" per "l'attuale incertezza politica". L'ambasciata britannica invita a "rimanere al chiuso" fino a quando "la situazione non diventera' piu' chiara". L'Unione europea ha espresso "preoccupazione" e ha chiesto una "soluzione pacifica" della crisi. I tre ministri arrestati sono il titolare delle Finanze Ignatius Chombo, quello dell'Educazione Superiore Jonathan Moyo e quello delle opere pubbliche, anche commissario politico dello Zanu-Pf, Saviour Kasukuwere. I tre fanno parte del gruppo conosciuto come G40, una corrente del partito al potere che secondo gli analisti cerca di espellere i veterani della guerra di indipendenza, tra i quali figura Emmerson Mnangagwa, destituito per spianare la strada del potere alla first lady Grace Mugabe. Secondo la stampa locale, Moyo e' il cervello della fazione, una delle tante in cui si e' diviso il partito, per organizzare la successione di Mugabe, 93 anni, al potere dal 1980. Lunedi' il comandante dell'esercito, il generale Costantino Chiwenga, aveva intimato a Mugabe di porre fine alle purghe nei confronti dei quadri del partito al potere Zanu-Pf, dopo il brutale licenziamento di Mnangagwa.

Tags:
zimbabwe
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.