A- A+
Food
Cachi e mirtilli, non si butta niente: gli scarti diventano ottimi integratori

Scarti alimentari, cachi e mirtilli fanno bene al microbiota intestinale: lo studio 

Gli scarti della frutta, e in particolar modo quelli dei mirtilli e dei cachi, possono essere riutilizzati per realizzare una polvere ricca di antiossidanti e altre sostanze che, aggiunta agli alimenti, esercita un effetto benefico sul microbiota intestinale. L’idea di dare una seconda vita ai sottoprodotti delle lavorazioni alimentari più pregiate, come le bucce e le parti non direttamente commestibili, non è nuova, ma i ricercatori dell’Università Politecnica di Valencia e dell’Università di Valencia, in Spagna, autori di uno studio pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry, hanno effettuato un passo ulteriore, rispetto a ricerche simili condotte negli ultimi anni.

Leggi anche: Anche l'anguria diventa di lusso. La Densuke può costare fino a 5000 euro

Gli scienziati, infatti - riporta Il Fatto Alimentare - hanno sottoposto gli scarti della lavorazione dei cachi e dei mirtilli, noti per avere concentrazioni di polifenoli e carotenoidi particolarmente elevate, a diversi tipi di processi come la disidratazione, e dimostrato che a ogni cambiamento delle condizioni di reazione e del materiale di partenza corrispondono quantità diverse di antiossidanti; per il risultato finale contano il tipo di polvere che si vuole ottenere, il metodo di lavorazione, il contenuto e il tipo di fibre, che può variare molto (per esempio se si lavorano le parti legnose o le infiorescenze).

Leggi anche: Al bar si paga in base alla gradazione: nuove accise sugli alcolici

I ricercatori spagnoli, poi, hanno controllato in vitro l’effetto delle loro polveri sul microbiota intestinale, aggiungendole a campioni di batteri, lasciando che avvenissero le normali fermentazioni e sequenziando il genoma delle specie presenti prima e dopo. Almeno in vitro, la miscela di polifenoli e carotenoidi si è mostrata capace di modificare le concentrazioni di diverse specie, con un incremento di quelle considerate positive e una diminuzione delle altre. Pertanto, le bucce e le altre parti scartate dei frutti, concludono gli autori, possono rappresentare una valida materia prima per produrre elementi preziosi, da utilizzare anche nei paesi dove il loro apporto è insufficiente.

Iscriviti alla newsletter




in evidenza
Luigi Berlusconi scommette su Algojob: investito oltre un milione di euro

Con lui anche Ermotti, figlio dell'ad di Ubs

Luigi Berlusconi scommette su Algojob: investito oltre un milione di euro


in vetrina
Intelligenza artificiale e aziende italiane: le reali applicazioni

Intelligenza artificiale e aziende italiane: le reali applicazioni


motori
Addio alla Smart Fortwo: un’era di mobilità urbana si conclude

Addio alla Smart Fortwo: un’era di mobilità urbana si conclude

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.