A- A+
Green
Ecomafie, la più colpita la Campania: oltre 44mila reati ambientali in 10 anni

Un volume di affari che sfiora i 20 miliardi di euro, sottratti all'economia legale, ricavati da traffici illeciti e dalla distruzione dell'ambiente e delle sue risorse. Il rapporto di Legambiente sulle ecomafie per il 2019 segna il boom dei reati ambientali in Campania, che si conferma la regione a più alto tasso di espansione del fenomeno.

Il 44% dei reati in più, 5.594 quelli accertati, poco più del 10% del totale dei reati ambientali riscontrati nel decennio 2010-2019, quando sono stati consumati 44.179 illeciti. Secondo i dati raccolti dall'associazione, è il ciclo del cemento, assieme al ciclo dei rifiuti a rappresentare la parte più importante degli affari per le ecomafie. Si tratta infatti di reati di impresa.

Nei dieci anni esaminati, sono 9.563 le infrazioni riscontrate nella produzione e nell'utilizzo del cemento, con 3.248 sequestri. Di pari passo procede anche il ciclo dei rifiuti in Campania, che negli ultimi dieci anno ha permesso di rilevare 10.699 infrazioni e 5.011 sequestri. Sono ben 90 i clan che si spartiscono gli 'affari' e il primato per numero di reati ambientali viene assegnato a Napoli, con 2.207 infrazioni accertate.

Cresce anche l'archeomafia, che punta a depredare il patrimonio culturale. In Campania è stato riscontrato l'1,7% di reati in più. Ma dopo cemento e rifiuti, preoccupano i reati contro la fauna, che rappresentano il 18,2% del totale. Seguono poi gli incendi dolosi, con l'8,8% dei reati accertati in Campania.

Nell'ultimo anno sono stati aperti 158 procedimenti penali, con 181 persone denunciate e 98 beni sequestrati. E in questo senso aiutano le nuove leggi introdotte sui reati ambientali. In cinque anni la legge sui trafficanti di rifiuti ha permesso di chiudere 130 inchieste, arrestare 479 persone, denunciarne 803 e provare il coinvolgimento di 207 aziende.

C'è un numero che rende l'ampiezza del fenomeno e riguarda la movimentazione illegale di rifiuti, con 10 milioni di tonnellate bloccate su quasi 411mila camion. Per il presidente di Legambiente Campania, Mariateresa Imparato, il Piano nazionale di ripresa e resilienza può rappresentare per la regione "un'occasione importante e preziosa per rendere più sostenibile e libera dai veleni".

"Ci aspettiamo tanto da questo piano e ci aspettiamo tanto dalla politica - dice - speriamo che nemmeno un euro delle risorse stanziate sia appannaggio delle ecomafie e della criminalità".

Commenti
    Tags:
    rapporto ecomafie campania reatiecomafie boom campania mafia
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    A una splendida Monica Bellucci il David alla Carriera 2021

    Spettacoli

    A una splendida Monica Bellucci il David alla Carriera 2021

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, primavera maledetta: da martedì temporali per tutta la settimana

    Meteo, primavera maledetta: da martedì temporali per tutta la settimana


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes svela il Concept EQT

    Mercedes svela il Concept EQT


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.