A- A+
Green
Energia, colpo alla Big Oil Shell: condannata a tagliare il 45% di CO2 al 2030

Colpo al colosso petrolifero Shell: un tribunale olandese ha stabilito che la compagnia ha l'obbligo di ridurre del 45% le emissioni di CO2 entro il 2030. Il gruppo ha perso la causa intentata da un gruppo di Ong ambientaliste. "Il tribunale ordina a Royal Dutch Shell di ridurre le sue emissioni di CO2 entro la fine del 2030 del 45% rispetto al 2019", ha dichiarato il giudice Larisa Alwin davanti al tribunale dell'Aia. Una sentenza storica che potrebbe portare conseguenze economiche e gestionali anche ad altre aziende del settore. "Shell è responsabile di enormi emissioni di CO2 e contribuisce alle conseguenze disastrose del cambiamento climatico per la popolazione", ha aggiunto.

Esultano le organizzazioni ambientaliste all'origine della causa, che hanno definito il verdetto "storico": per la prima volta, hanno sottolineato, un'impresa è costretta dalla giustizia ad adeguarsi all'accordo di Parigi del 2015. La causa era stata avviata nell'aprile del 2019 da Milieudefensie, filiale olandese dell'organizzazione internazionale Amici della terra, assieme a 6 altre Ong fra cui Greenpeace e ActionAid nei Paesi Bassi. Più di 17 mila cittadini olandesi si erano costituiti parte civile. La Shell ha annunciato che intende fare appello a una sentenza che considera "deludente".

Secondo il gruppo petrolifero non c'è la base legale per le rivendicazioni delle Ong e il processo deve passare per una decisione politica a livello di governo. Un portavoce del gruppo ha ricordato gli sforzi di Shell nel campo della lotta al riscaldamento climatico. "Abbiamo accelerato i nostri sforzi per essere un gruppo energetico a emissioni zero entro il 2050", ha scritto in un comunicato. La multinazionale anglo-olandese ha annunciato in febbraio che prevedeva di ridurre le emissioni rispetto al 2016 del 20% entro il 2030, del 45% entro il 2035 e del tutto entro il 2050.

"Royal Dutch Shell ha già aumentato i suoi obiettivi, ma la politica per raggiungerli non è concreta e piena di condizioni", ha spiegato la giudice Alwin su questo tema. Decine di militanti ambientalisti, in attesa fuori dal tribunale hanno festeggiato la sentenza con cori e lacrime di gioia: "Oggi assieme ai 17 mila cittadini che hanno firmato scriviamo una pagina di storia", ha commentato l'Ong Amici della terra.

 

Commenti
    Tags:
    clima big oil shell sentenzaclima sentenza shellclima sentenza shell emissioni
    in evidenza
    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    verso un mondo più sostenibile

    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    i più visti
    in vetrina
    Europei: le "Wags" degli Azzurri: qual è la più bella?

    Europei: le "Wags" degli Azzurri: qual è la più bella?


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

    Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.