A- A+
Green
Energia, colpo alla Big Oil Shell: condannata a tagliare il 45% di CO2 al 2030

Colpo al colosso petrolifero Shell: un tribunale olandese ha stabilito che la compagnia ha l'obbligo di ridurre del 45% le emissioni di CO2 entro il 2030. Il gruppo ha perso la causa intentata da un gruppo di Ong ambientaliste. "Il tribunale ordina a Royal Dutch Shell di ridurre le sue emissioni di CO2 entro la fine del 2030 del 45% rispetto al 2019", ha dichiarato il giudice Larisa Alwin davanti al tribunale dell'Aia. Una sentenza storica che potrebbe portare conseguenze economiche e gestionali anche ad altre aziende del settore. "Shell è responsabile di enormi emissioni di CO2 e contribuisce alle conseguenze disastrose del cambiamento climatico per la popolazione", ha aggiunto.

Esultano le organizzazioni ambientaliste all'origine della causa, che hanno definito il verdetto "storico": per la prima volta, hanno sottolineato, un'impresa è costretta dalla giustizia ad adeguarsi all'accordo di Parigi del 2015. La causa era stata avviata nell'aprile del 2019 da Milieudefensie, filiale olandese dell'organizzazione internazionale Amici della terra, assieme a 6 altre Ong fra cui Greenpeace e ActionAid nei Paesi Bassi. Più di 17 mila cittadini olandesi si erano costituiti parte civile. La Shell ha annunciato che intende fare appello a una sentenza che considera "deludente".

Secondo il gruppo petrolifero non c'è la base legale per le rivendicazioni delle Ong e il processo deve passare per una decisione politica a livello di governo. Un portavoce del gruppo ha ricordato gli sforzi di Shell nel campo della lotta al riscaldamento climatico. "Abbiamo accelerato i nostri sforzi per essere un gruppo energetico a emissioni zero entro il 2050", ha scritto in un comunicato. La multinazionale anglo-olandese ha annunciato in febbraio che prevedeva di ridurre le emissioni rispetto al 2016 del 20% entro il 2030, del 45% entro il 2035 e del tutto entro il 2050.

"Royal Dutch Shell ha già aumentato i suoi obiettivi, ma la politica per raggiungerli non è concreta e piena di condizioni", ha spiegato la giudice Alwin su questo tema. Decine di militanti ambientalisti, in attesa fuori dal tribunale hanno festeggiato la sentenza con cori e lacrime di gioia: "Oggi assieme ai 17 mila cittadini che hanno firmato scriviamo una pagina di storia", ha commentato l'Ong Amici della terra.

 

Commenti
    Tags:
    clima big oil shell sentenzaclima sentenza shellclima sentenza shell emissioni
    in evidenza
    Noemi-Totti, le voci di un bebè Misteriosa trasferta in yacht

    La nuova fiamma - FOTO

    Noemi-Totti, le voci di un bebè
    Misteriosa trasferta in yacht

    
    in vetrina
    Bianchi, presentata la nuova gamma di biciclette e-Vertic

    Bianchi, presentata la nuova gamma di biciclette e-Vertic


    casa, immobiliare
    motori
    Cesare Fiorio Destriero: un successo indimenticabile

    Cesare Fiorio Destriero: un successo indimenticabile


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.