A- A+
Green
Energia, terre rare in fondo al mare: parte la nuova corsa all'oro globale

Nichel, cobalto e non solo: le terre rare tornano protagoniste di una nuova corsa all’oro tutta giocata nelle profondità dell’Oceano Pacifico. Un luogo tanto estremo quanto prezioso, caratterizzato dall’assenza di luce, temperature vicino allo zero e una pressione atmosferica 500 volte superiore a quella della superficie terrestre. Qui, il business dei metalli si fa sempre più conteso e discusso: da una parte l’Autorità internazionale dei fondali (Isa) tenta di attuare regole estrattive “equilibrate”, mentre dall’altra comunità scientifica e ambientalisti frenano. Per gli esperti si andrebbe incontro a una “catastrofe ecologica”, mentre secondo le associazioni l’obiettivo dell'organizzazione è unico: rendere possibile la corsa. 

Nella faglia di Clarion-Clipperton Zone, un’area situata in acque internazionali a cavallo tra Hawaii e Messico, trovano rifugio 20mila leghe di metalli rari, veri e propri tesori che- secondo alcuni studi- potrebbero essere “potenzialmente più ricchi” rispetto a quelli di Congo e Indonesia, i due Paesi finora più contesi in tema di estrazioni. E seppur la piana, a differenza della terraferma (ma come la maggior parte dei fondali oceanici) sia un luogo ancora molto inesplorato, diversi sono già i contendenti interessati. Le leghe infatti costituite da rame, nichel, manganese e cobalto in altissime concentrazioni, rappresentano una “ghiotta risorsa” per gli interessi delle economie mondiali: sempre più industrie tecnologiche puntano alle terre rare per costruire batterie, accessori e componenti chiave per la "svolta verde".  La nuova corsa all’oro si gioca proprio attorno a tale sfida: raggiungere quanto prima una completa transizione energetica, attraverso la "conquista" delle materie prime necessarie. Ma gli appetititi commerciali si scontrano con gli allarmi lanciati da comunità scientifica e attivisti, entrambi timorosi di una nuova devastazione ambientale. Le conseguenze dell’attività mineraria sugli ecosistemi marini rischiano infatti di essere "gravi e difficilmente rimediabili".

Nonostante ciò, la frontiera del deep sea mining, l’attività estrattiva di materiali rari dagli oceani, non sembra essere così lontana. A livello tecnico, anche se le tecnologie necessarie sono ancora in fase di sperimentazione, a grandi linee- si legge su Bloomberg- si dovrebbe seguire questo schema: una flotta di robot controllati a distanza percorre in modo sistematico il fondo dell’Oceano, dragando lo strato superficiale della crosta terrestre e raccogliendo i noduli polimetallici che trova sulla sua strada. Le pepite vengono poi risucchiate da un lunghissimo tubo idraulico, collegato direttamente a una nave di supporto in superficie. I macchinari a bordo dell’imbarcazione effettuano le prime operazioni di filtraggio, separando i metalli preziosi dai sedimenti residui. Quest’ultimi vengono infine pompati nuovamente in mare.

Commenti
    Tags:
    energia terre rare corsaenergia terre rare corsa oroterre rare oro corsa energia





    in evidenza
    Impennate in moto e nozze con l'assassino, Perrino a Ore 14: "Siamo nella società dello spettacolo"

    L'intervento del direttore di Affari

    Impennate in moto e nozze con l'assassino, Perrino a Ore 14: "Siamo nella società dello spettacolo"

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


    motori
    Mercedes-Benz arriva la gamma Van con innovazioni Hi-Tech

    Mercedes-Benz arriva la gamma Van con innovazioni Hi-Tech

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.