A- A+
Green
Incendi, crisi climatica infiamma il mondo: serve un maggiore monitoraggio

Incendi, il surriscaldamento climatico fa bruciare il pianeta. É necessaria una maggiore prevenzione, oltre alla cura delle foreste

Il nostro pianeta sta lentamente andando a fuoco. Come scrive Le Monde, su entrambe le sponde dell'Atlantico e del Mediterraneo, dalla Scandinavia ai Balcani e dalla Siberia ai margini settentrionali del Sahara, le foreste del mondo stanno bruciando. In paesi ricchi e non, con latitudini e climi diversi, interi ecosistemi vanno in fumo a causa di mostruosi incendi, alcuni dei quali di dimensioni mai viste nella storia recente.

La causa comune a questa proliferazione mondiale di “megafuochi”? La siccità e l'aumento del “termometro” planetario. Secondo la NASA, il mese di luglio è stato il mese più caldo, in media mondiale, mai osservato dall'inizio delle misurazioni a metà del XIX secolo.

Non è una sorpresa. “Si sa da tempo che il riscaldamento globale aumenterà la frequenza e l'estensione degli incendi”, dice Jean-Luc Dupuy, Direttore di ricerca all'Istituto nazionale di ricerca per l'agricoltura, l'alimentazione e l'ambiente (Inrae) e specialista nella modellazione degli incendi boschivi. “Ciò è particolarmente evidente negli Stati Uniti, dove si dispone di statistiche solide che dimostrano che il numero di grandi incendi è fortemente aumentato dagli anni '80. É noto, da un lato, che tale aumento è in parte legato all'accresciuto disseccamento della vegetazione e, dall'altro, che il riscaldamento allunga i periodi dell'anno durante i quali la vegetazione si secca”.

Il caso emblematico è quello della California, i cui rilevamenti statistici sono eloquenti. Dei dieci più grandi incendi registrati dal 1932 da Calfire, l'agenzia californiana antincendio, tutti sono posteriori al 2000. E sei si sono verificati da agosto 2020. La constatazione è vertiginosa: la maggior parte dei dieci incendi forestali più importanti registrati in quasi un secolo, nel grande Stato dell'Ovest americano, si sono tutti verificati nel corso degli ultimi dodici mesi. Il più grande di essi, chiamato August Complex Fire, ha distrutto da solo la vegetazione su oltre 415.000 ettari (più di 4.150 km², una superficie equivalente a quella del dipartimento francese dei Pirenei Orientali). Iniziato a metà agosto 2020, è stato ufficialmente dichiarato estinto solo il 12 novembre.

Quest'anno, il Dixie Fire, ancora in corso e fuori controllo, conta già oltre 250.000 ettari bruciati da luglio. La stagione attuale supera di gran lunga il record stabilito dalla precedente. A metà agosto 2020, 350.000 ettari erano bruciati in California, contro 450.000 ettari al 17 agosto 2021. Venti anni fa, nel Golden State bruciavano in media 174.000 ettari all'anno.

Negli ultimi cinque anni, è in media quattro volte tanto. Se la California occupa l'attualità, altri Stati americani sono colpiti da grandi incendi. Nel Montana, nell'Idaho, nello stato di Washington o nell'Oregon, le foreste bruciano. Su tutto il territorio degli Stati Uniti sono in corso oltre 39.000 incendi; finora, secondo le autorità, sono stati distrutti un milione e mezzo di ettari in totale. E la stagione degli incendi non è finita.

Altrove nel mondo, la magnitudine di alcuni eventi colpisce anche gli spiriti. “In particolare, i grandi incendi che hanno colpito l'Australia durante l'estate australe 2019-2020 (circa 17 milioni di ettari bruciati) sono stati oggetto di studi di attribuzione che suggeriscono un nesso con il riscaldamento, nonostante le incertezze legate al funzionamento dei modelli”, dice l'On. Dupuy.

Lontano dai grandi agglomerati urbani, gli incendi che devastano la Siberia dall'inizio dell'estate fanno meno parlare di loro, ma sono comunque di una magnitudine paragonabile. Il 16 agosto, l'agenzia russa di monitoraggio delle foreste, Rosleskhoz, ha stimato in 16 milioni di ettari la superficie in fumo dall'inizio dell'anno. Un territorio più grande della Grecia. Le rilevazioni effettuate dal sistema europeo di sorveglianza Copernicus permettono di valutare che questi incendi hanno liberato masse record di biossido di carbonio, ossia 505 milioni di tonnellate per la sola regione di Yakuzia, la più colpita.

In Russia, l'estate 2021 è quello di tutti i record, e la situazione è tutt'altro che sotto controllo, con altre otto regioni sotto il regime dello stato di emergenza. Come è ormai consuetudine, i primi incendi si sono verificati nel mese di aprile, dopo lo scioglimento delle nevi, nelle regioni settentrionali. Alcuni incendi, nelle torbiere, continuano anche a covare sotto terra durante la stagione fredda. Gli incendi sono stati poi favoriti per tutta l'estate da temperature torride, il mercurio ha nuovamente sfiorato i 50 gradi centigradi in Siberia, e la siccità è la più grave da 150 anni. All'inizio di agosto, la NASA ha riferito che il fumo degli incendi di Yakuzia aveva “attraversato più di 3.000 chilometri per raggiungere il Polo Nord, che sembra essere una prima nella storia documentata”.

Anche in questo caso, un ritorno alla normalità appare improbabile nei prossimi anni e decenni. Nel nord dell'Eurasia, come altrove, il riscaldamento favorisce le condizioni di emergenza e di sviluppo dei megafuochi. In maggio, in uno studio pubblicato dalla rivista Climatic Change, un gruppo internazionale riteneva che l'ondata di calore prolungata che ha colpito la Siberia all'inizio del 2020, con più di 38 gradi Celsius, rilevati a nord del circolo polare, sarebbe stata “fisicamente impossibile” nelle condizioni climatiche dell'inizio del XX secolo.

Surriscaldamento globale, il maggior imputato

Allo stesso modo, altri lavori hanno dimostrato che alle latitudini più alte dell'Europa occidentale, il cambiamento climatico ha anche effetti importanti: senza il riscaldamento, gli incendi boschivi giganti che hanno colpito la Svezia nell'estate 2018 sarebbero stati estremamente improbabili. Circa 25.000 ettari erano bruciati e Stoccolma, sopraffatta dalla situazione, aveva dovuto chiedere l'aiuto dell'Unione europea, che ha coordinato il più importante intervento europeo di lotta contro gli incendi boschivi, mobilitando sette aerei, sei elicotteri e 67 veicoli provenienti da Italia, Francia, Germania, Lituania, Danimarca, Portogallo e Polonia.

Le tendenze all'opera sugli immensi spazi forestali del Nord America, dell'Eurasia o dell'Australia permettono, a volte, di rilevare il segnale amplificatore del riscaldamento. Ma non è così in altre parti del mondo. “Penso che il riscaldamento abbia ormai un impatto ovunque, ma è molto difficile evidenziarlo, perché secondo le regioni anche altri fattori hanno un'influenza”, spiega Jean-Luc Dupuy.

Il fatto può sembrare contro intuitivo, visto che nelle ultime settimane si sono verificati diversi grandi incendi nell'Europa meridionale e nel bacino del Mediterraneo, in Grecia, Turchia, Portogallo, Algeria e Francia in particolare, ma le forti tendenze sono in calo, in Europa, rispetto agli anni 1970-1980. Ad eccezione di alcuni paesi, in particolare la Grecia e il Portogallo, le politiche attuate in Europa hanno permesso di ridurre, talvolta fortemente, le superfici bruciate da una quarantina d'anni”, ha detto Dupuy. “In particolare, il monitoraggio e l'individuazione precoce degli eventi, quindi l'intervento rapido sugli incendi, prima che diventino incontrollabili, sono state leve importanti”.

Negli Stati Uniti, Joe Biden ha annunciato la messa a disposizione di mezzi scientifici federali per identificare gli incendi prima che si dispiegassero in megaproiettori fuori controllo. Le agenzie scientifiche federali dispongono di satelliti che permettono di rilevare le partenze di incendio quando non sono più grandi di un tavolo da pranzo, ha assicurato. Il Presidente degli Stati Uniti ha anche promesso misure per aumentare lo stipendio dei vigili del fuoco e la creazione di posti permanenti. Con il cambiamento climatico, il mestiere “non è più stagionale”, ha spiegato, precisando che questa missione deve ormai durare “tutto l'anno”. Dopo gli incendi, i vigili del fuoco si occuperanno della riduzione del rischio e della gestione delle foreste.

Foreste, la prevenzione passa dalla loro cura

Tali attività possono rivelarsi vantaggiose. La Finlandia, per esempio, coperta al 75 per cento da foreste, è riuscita a dividere per dieci le superfici bruciate dal dopoguerra, nonostante episodi di calore e di siccità più frequenti. La prevenzione passa in particolare attraverso la cura delle foreste, regolarmente diradate, e la delimitazione chiara tra gli appezzamenti, di cui il 60 % appartiene a privati.

In Europa, paradossalmente, un fattore aggravante potrebbe essere la spopolazione agricola in alcune zone, in particolare in quelle di montagna, e la ricolonizzazione di queste aree da parte della foresta. Generalmente apprezzati dai biologi della conservazione, i grandi massicci forestali non sfruttati potrebbero essere anche un'altra causa di mega incendi sul Vecchio Continente.

“Alcuni obiettivi di conservazione della natura potrebbero portare a mantenere spazi forestali continui ed estesi, con un accumulo di biomassa combustibile, che favorisce la propagazione dei grandi incendi”, spiega Dupuy. “Al contrario, la prevenzione degli incendi mediante la frammentazione dello spazio forestale sarebbe sfavorevole a questi obiettivi di conservazione. Ciò dimostra la necessità di un compromesso tra gli obiettivi”.

Commenti
    Tags:
    incendicrisi climaticariscaldamento globalemonitoraggio
    in evidenza
    Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

    Sport

    Paola Ferrari in gol, sulla barca
    "Niente filtri". Che bomba, foto

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


    casa, immobiliare
    motori
    Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

    Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.