A- A+
Green
Inquinamento aria, l'Italia tra i peggiori in Ue: oltre 50mila morti in 1 anno

Inquinamento aria, l'Italia tra i peggiori in Ue

L'inquinamento atmosferico è ancora troppo alto, e le morti premature continuano affliggere il continente europeo. Secondo il nuovo rapporto dell’Agenzia europea per l’Ambiente in Europa (Eea), che ha analizzato i i dati della qualità dell'aria nel 2018, sono stati stati oltre 400mila i decessi e l'Italia ha confermato di essere uno dei paesi dove il problema è maggiore. 

Nonostante vi siano stati alcuni miglioramenti negli ultimi 10 anni, come fa sapere GrenMe, l’inquinamento atmosferico resta una delle maggiori cause di morte prematura in Europa. Il rapporto 2020 dell’EEA parla chiaro: nel 2018, a causa dell’esposizione al particolato fine (PM 2.5), e sono morte 417mila persone e, nella sola Italia, i decessi prematuri sono stati 52.300. Il biossido di azoto (NO2) e l’ozono troposferico (O3) hanno causato rispettivamente 54mila e 19mila morti premature (nella sola in Italia si parla di 10.400 e 3mila morti).

Nell'ultimo decennio un miglioramento c'è comunque stato, come si legge nel rapproto: "La migliore qualità dell’aria ha portato, nell’ultimo decennio, a una significativa riduzione dei decessi prematuri in Europa” . Rispetto al 2009, in effetti, le morti premature causate dall’inquinamento sono state 60mila in meno l’anno. La nuova analisi si è basata sui dati relativi alla qualità dell’aria forniti da più di 4000 stazioni di monitoraggio europee. Sono in particolare 6 gli Stati membri che hanno superato il valore limite stabilito dall’Ue per il PM2.5. Oltre all’Italia, troviamo Bulgaria, Repubblica Ceca, Croazia, Polonia e Romania.

Inquinamento aria, i Paesi virtuosi

Estonia, Finlandia, Irlanda e Islanda sono invece i 4 paesi virtuosi, dove le concentrazioni di particolato fine erano addirittura inferiori ai parametri più restrittivi stabiliti dall’OMS. In sostanza, il rapporto conferma che la maggior parte dei cittadini europei sono esposti a livelli di inquinamento davvero troppo alti con conseguenze dannose per la salute. Non solo un aumento di malattie cardiovascolari e respiratore, ma anche un maggior rischio di contrarre in maniera pesante il coronavirus.

Inquinamento aria, il rapporto con il Covid-19

Una parte del report, fa sapere GreenMe è stata dedicata proprio al rapporto tra inquinamento e pandemia, un argomento attualissimo su cui scienziati di tutto il mondo si stanno interrogando e, già da mesi, sono arrivati sempre alla stessa conclusione: vi è uno stretto rapporto tra smog e maggiore virulenza (e mortalità) del Covid-19. 

Nell’analisi Eea si legge che: “L’inquinamento atmosferico dovrebbe essere considerato un co-fattore dell’alto livello di mortalità nel nord Italia; e che l’esposizione cronica fornisce un contesto favorevole per la diffusione del virus”. E inoltre aggiunge che: "Associazioni tra NO2, PM2.5 e/o concentrazioni di ozono nell’aria ambiente e aumenti del numero di casi di Covid-19, il numero di infezioni gravi da Covid-19 e il rischio di morte da Covid-19, sono stati riscontrati anche in Cina, Stati Uniti ed Europa. Sebbene le distribuzioni spaziali delle concentrazioni di PM, O3 e NO2 differiscano ampiamente, non si può escludere la possibilità di un accumulo di rischi derivanti da elevate esposizioni a tutti e tre gli inquinanti”. 

Naturalmente, ricorda anche l’Eea, il rapporto tra inquinamento e Covid-19 deve essere confermato da ulteriori studi. Nel frattempo, il lockdown di marzo e aprile scorso, fa sapere GreenMe, ha realmente fatto registrare una riduzione fino al 60% di alcuni inquinanti in molti paesi europei ma quali possono essere stati gli effetti positivi di tale riduzione sulla nostra salute è ancora tutto da stabilire.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    inquinamento aria italia europainquinamento aria italia europa decessiinquinamento aria italia europa mortiinquinamento aria decessi europa italia
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Toyota presenta la nuova Corolla Cross

    Toyota presenta la nuova Corolla Cross


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.