A- A+
Green
Italia a rischio tornado causa mare caldo. Crisi clima, verso estati di 6 mesi
(fonte Lapresse)

Crisi clima, nel 2100 estati bollenti di sei mesi

La crisi climatica sta rendendo sempre più caldo il pianeta, e di questo passo, senza azioni di mitigazione del riscaldamento globale, entro la fine del secolo le stagioni così come le conosciamo non esisteranno più. Avremo estati che dureranno il doppio, e sempre più bollenti. Uno scenario “torrido” che, secondo una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Geophysical Research Letters, si presenterà anche senza un calo rilevante delle attuali emissioni. Lo studio, condotto su uno storico delle temperature tra il 1952 e il 2011, ha rivelato un aumento del periodo estivo di diciassette giorni (da 78 a 95), mentre l’inverno è calato di tre, da 76 a 73. Per le stagioni intermedie la contrazione è stata da 124 a 115 per la primavera, e l’autunno da 87 a 82. Sulla scia di questi dati si è cercato di delineare un prospetto futuro entro la fine secolo. Dai risultati è emerso che il ristringimento degli inverni boreali è stato di meno di due mesi. Tra le aree più interessate alla variazione sono risultate il bacino del Mediteranno e l’altopiano del Tibet. 

Crisi clima, Italia a rischio tornado causa mare caldo

Inoltre, rimanendo nel Mediteranneo e in particolare sul suolo italiano, un recente studio svolto dall’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Cnr-Isac e da un ricercatore dell’università Uqam di Montreal, pubblicato su Atmospheric Research, ha evidenziato come mare caldo e anomalie atmosferiche favoriscono i tornadi con condizioni differenti a Nord e a Sud Italia. La temperatura del mare sembra svolgere un ruolo importante in Puglia, Calabria e nell’Adriatico settentrionale.

Il team di ricerca ha analizzato vent’anni anni di dati, monitorando le condizioni che hanno agevolato la formazione delle trombe d'aria più intense in Italia. Leonardo Bagaglini del Cnr-Isac, primo autore dell'articolo, spiega che "isolando i casi più rilevanti, e raggruppandoli in famiglie regionali, abbiamo potuto identificare alcune particolari configurazioni atmosferiche che favoriscono la formazione di questi eventi". In particolare– specifica Bagaglini– la genesi dei tornado è generalmente associata a forti anomalie in alcuni parametri meteorologici, che differiscono tra le varie macroregioni analizzate, con valori più elevati negli eventi del Sud Italia.

Le trombe d'aria meridionali, secondo lo studio, si verificano maggiormente nelle stagioni di autunno e estate. Sono innescate - spiegano i ricercaori - dal rapido transito di una massa d'aria di origine africana molto calda e umida che favorisce condizioni di spiccata instabilità, caratterizzata da una forte rotazione del vento con la quota, elemento necessario per lo sviluppo degli eventi più intensi. Mentre a Nord le stagioni interessate sono tarda primavera e estate. In questi casi, riporta lo studio, l'instabilità si innesca principalmente per l'arrivo di aria più fresca proveniente da Nord sopra l'aria calda e ricca di umidità che persiste nei bassi strati durante la stagione estiva.  Il nostro studio– conclude  Mario Marcello Miglietta del Cnr-Isa– ha evidenziato che, per i vortici originati come trombe marine, il mare su cui si formano risulta generalmente più caldo della media climatologica: tale anomalia risulta maggiore per i fenomeni che interessano le coste ioniche e venete. 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    crisi climatica tornadi italiacrisi climatica cambiamento climaticocrisi climatica estate
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Toyota presenta la nuova Corolla Cross

    Toyota presenta la nuova Corolla Cross


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.