A- A+
Green
Onu, raggiunto l'accordo sulla tutela degli Oceani e dell'Alto mare

Raggiunto l'accordo sul Trattato per la protezione degli Oceani e dell'Alto mare, dopo 20 anni di negoziati

È stato raggiunto un accordo sul Trattato per la protezione degli Oceani e dell'Alto mare (lo spazio marino che si estende oltre le acque territoriali), un ecosistema che produce metà dell'ossigeno che respiriamo, rappresenta il 95% della biosfera terrestre e assorbe anidride carbonica come nessun altro bacino sulla terra. Ma c’è ancora molta strada da fare prima che sia approvato definitivamente e diventi legalmente obbligatorio.

Dopo  quasi vent’anni di negoziati e 38 ore finali di discussioni, che si sono tenute nella sede dell'Onu a New York nel corso di due settimane, è stato approvato  lo storico High Seas Treaty, il Trattato per la protezione dell'Alto mare.

Negoziati sul Trattato per la protezione dell'Alto mare bloccati, le cause

Il summit era iniziato il 20 febbraio e, nonostante l’architettura dell’accordo fosse stata definita nel precedente vertice ocenico in Uruguay, i negoziati restavano bloccati a causa di disaccordi sui finanziamenti, sui diritti di pesca e sullo sfruttamento delle risorse biogenetiche.  

Minna Epps, direttrice del team  di IUCN Ocean and Coast, ha spiegato che "Il problema principale riguardava la condivisione delle risorse genetiche marine. Le risorse genetiche marine sono materiale biologico proveniente da piante e animali nell’oceano che può avere benefici per la società, come prodotti farmaceutici, processi industriali e cibo. Le nazioni più ricche hanno attualmente le risorse e i finanziamenti per esplorare le profondità dell’oceano, ma le nazioni più povere volevano garantire che tutti i benefici che vengono scoperti siano  condivisi equamente".

Robert Blasiak, ricercatore oceanico della Stockholms Universitet evidenzia che "Nessuno sa quanto valgono le risorse oceaniche e quindi come potrebbero essere divise. Se immaginate una grande TV widescreen ad alta definizione, e se solo tre o quattro dei pixel su quello schermo gigante funzionano, questa è la nostra conoscenza dell’oceano profondo. Quindi abbiamo registrato circa 230.000 specie nell’oceano, ma si stima che ce ne siano più di due milioni".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ambienteoceanionu





in evidenza
Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

La classifica comscore

Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)


in vetrina
Puglia, gelato da vegetali fermentati: a Polignano a Mare il nuovo ice-cream

Puglia, gelato da vegetali fermentati: a Polignano a Mare il nuovo ice-cream


motori
Opel Experimental: ridefinisce il futuro dell'illuminazione automobilistica

Opel Experimental: ridefinisce il futuro dell'illuminazione automobilistica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.