A- A+
Green
Sostenibilità, Onu: andare oltre il Pil. Fondamentale l'impatto ambientale

Sostenibilità, l'Onu va oltre il Pil 

Porre la sostenibilità al centro delle strategie politiche dei governi. È questo il punto su cui si sta lavorando la Commissione Statistica delle Nazioni Unite. Lo scopo, secondo quanto afferma il capo economista dell’Onu Elliot harris, è “ trasformare il modo in cui vediamo e apprezziamo la natura. Dobbiamo riflettere il vero valore della natura in tutte le nostre politiche, piani e sistemi economici. Così facendo, gli investimenti possono essere diretti verso azioni che proteggono e ripristinano la natura.  Le ricompense saranno immense”. Un impegno importante che mira all’apertura verso una nuova era, nella quale sostenibilità e progresso economico potrebbero andare a braccetto. Per il Department of Economic and Social Affairs (DESA) dell’’Onu, riporta Greenreport, “il quadro, denominato System of Environmental- Economic Accounting- Ecosystem Accounting, va oltre la statistica comunemente utilizzata del prodotto interno lordo (PIL) e garantisce che il capitale naturale, come foreste, oceani e altri ecosistemi, sia preso in considerazione nei rapporti economici. Il sistema aiuta anche a rispondere meglio alle emergenze ambientali, come il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità”. Elliott Harris, vice segretario generale per lo sviluppo economico ed economista capo dell’Onu, sottolinea quanto il cambio di passo sia un atto necessario: “Abbiamo trattato la natura come se fosse libera e come se fosse senza limiti. Quindi, abbiamo degradato la natura e l’abbiamo consumata senza essere realmente consapevoli di ciò che stavamo facendo e di quanto stavamo perdendo in questo processo. Il nuovo quadro ci permetterà di vedere come le nostre attività economiche possono influenzare i nostri ecosistemi, come ci influenza la presenza della natura e come le nostre attività potrebbero essere modificate per raggiungere la prosperità senza danneggiare o distruggere la natura durante il processo”. Anche il segretario generale dell'Onu Guterres, in un videomessaggio, conferma la linea di Harris: "Il mondo ha ancora una possibilità di combattere per limitare il riscaldamento globale ponendo fine alla dipendenza dal carbone. In questo decennio è possibile mantenere l’aumento della temperatura a 1,5 gradi Celsius sopra i livelli preindustriali. C’era una volta il carbone, portava elettricità a basso costo a intere regioni e posti di lavoro vitali alle comunità. Quei giorni sono passati. L’eliminazione graduale del carbone dal settore elettrico è il passo più importante per essere in linea con l’obiettivo degli 1,5 gradi".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    sostenibilità onu pil impatto ambientaleonu sostenibilità impatto ambientaleonu sostenibilità impatto
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti

    Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.